Matera 2019 Bonisoli basilicata“Per me Matera 2019 è Matera 2039, voglio cercare di capire che cosa – lavorando in un certo modo l’anno prossimo – possiamo creare nell’arco di 20 anni”. Lo ha detto il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, intervenendo a Matera nel corso della presentazione del calendario di eventi messi in campo in occasione del 2019, anno in cui la “Città dei Sassi” sarà Capitale europea della cultura (insieme a Plovdiv).

“Ho conosciuto il progetto di Matera 2019 gradualmente: quando è stata vinta la gara leggendo i giornali, poi pian pianino ho iniziato a capire quello che succedeva, e poi quando ho preso questo ruolo nel mese di giugno ho iniziato a entrare nel merito. E capito tre cose”.

PROGETTO PERFETTIBILE

“La prima cosa che ho capito è che questo è un progetto perfettibile, magari non tutto quello che era previsto in sede di candidatura è stato realizzato, abbiamo imparato che c’erano alcune cose da fare che non abbiamo fatto perché c’erano altre priorità, insomma è andata così. Ma fa parte anche del nostro essere italiani, noi siamo abituati a essere un po’ disattenti quando si tratta di pianificare ma siamo bravi a fare lo scatto finale, e questo è il momento in cui ricordarci di questo”.

“La seconda cosa che ho capito – prosegue il ministro – è che all’interno dei vari settori e dei vari attori coinvolti, c’è stata un po’ di dialettica, e questo è positivo perché attraverso il confronto si possono capire i diversi punti di vista e si può cercare di superare le differenze d’opinione”.

OPPORTUNITA’ CHE NON PERDEREMO

“Terza cosa che ho capito è che questa è un’opportunità che non possiamo perdere e che non perderemo. Penso che se abbiamo delle ambizioni, devono essere altissime. Per me Matera 2019 è Matera 2039, voglio ragionare a 20 anni e cercare di capire che cosa – lavorando in un certo modo l’anno prossimo – possiamo creare nell’arco di 20 anni. Vorrei che in futuro si ragionasse di Matera e del Mezzogiorno come un luogo dove accadono delle cose culturali, dove so che se vado lì troverò qualcosa di cui essere molto contento, sorpreso e gratificato”.

“Quando vado in una grande capitale della cultura europea, so che qualcosa trovo. E questa è l’ambizione anche per questo territorio, anche perché si parla di lavoro, economia e tessuto sociale. E’ un’occasione unica per il Mezzogiorno, perché si tratta di sostituire uno sviluppo industriale, basato su alcune scelte legittime quando sono state fatte ma che oggi dimostrano di avere il fiato corto”.

“Quindi la cultura può essere una delle leve economiche che abbiamo per generare occupazione. Vorrei che nel 2039 il flusso di emigrazione sia contrario, e che quindi ci siano giovani che dal Nord e dall’Europa vengano a vivere in questa zona”.

COSA PUO’ FARE IL MIBAC

Cosa può fare il ministero dei Beni culturali? “Innanzitutto – spiega Bonisoli – un ruolo di stimolo, possiamo essere sparring partner, quello di giocare in due per costringere l’altra parte a diventare più veloce ed efficiente, e questo lo vorremmo fare nel modo più continuo, semplice e rispettoso nel corso del tempo”.
“Secondo è un ruolo di raccordo: quello che accade a Matera è un’occasione unica non solo per Matera ma per tutto il territorio, quindi è importantissimo assicurare il maggiore coinvolgimento, l’armonia, la maggiore articolazione, il coordinamento tra tutti i soggetti che possono portare un contributo a questo progetto, come gli operatori economici, le regioni ed enti locali. Si può fare un buon lavoro se ci sono occasioni di confronto e dialogo e in questo il ministero si mette a disposizione per aiutare questo dialogo”.

“Terza cosa che possiamo fare, infine, è una raccolta delle disponibilità che da tutta Italia stanno arrivando: importante è che siano cose buone e fatte da persone e istituzioni motivate e che possano far capire il potenziale e la ricchezza di quello che può accadere in questo territorio. L’obiettivo è aiutare quello che alla fine deve essere un grande progetto culturale, che deve avere il più grande successo possibile. Questa è la nostra disponibilità”, ha concluso Bonisoli.

Leggi anche:

Matera 2019, si è tenuto a Roma nuovo incontro con Bonisoli

Mibac, Bonisoli in Bulgaria: Plovidiv e Matera insieme per stupire l’Europa

Mibac, Bonisoli incontra i vertici di Matera 2019

Matera 2019, Bonisoli: Qui si gioca immagine internazionale del Paese, Sud sia ambizioso

Rispondi