Quali iniziative ha in programma il ministro dei Beni culturali per rilanciare la cooperativa Orchestra sinfonica di Lecce e del Salento (Oles) e se, dopo aver interpellato la Commissione Consultiva per la Musica, intende concedere alla stessa, con proprio decreto, la qualifica di “Istituzione concertistica orchestrale”. E’ quanto chiede il deputato Michele Nitti (M5S) in un’interrogazione presentata al ministro Alberto Bonisoli.

La cooperativa Oles, scrive Nitti, “ha avviato la sua attività nell’agosto 2016, grazie a un finanziamento della regione Puglia per il rilancio complessivo della produzione e distribuzione della musica classica in ambito regionale, con l’obiettivo di salvaguardare, potenziare e modernizzare l’importante patrimonio musicale costituito da quarant’anni di attività concertistica e operistica dell’Orchestra leccese (già orchestra sinfonica della provincia di Lecce e orchestra sinfonica “Tito Schipa”)”.

L’orchestra sinfonica della provincia di Lecce e l’orchestra sinfonica “Tito Schipa”, in liquidazione, era dal 1967 in possesso della qualifica di istituzione concertistico orchestrale. Nel 2015 il Mibact ha bloccato il contributo triennale proveniente del Fus al complesso concertistico orchestrale “Tito Schipa” di Lecce, gestito, fino all’anno 2015, dall’omonima fondazione, pur avendo la competente commissione ministeriale già attribuito il riconoscimento come istituzione concertistica orchestrale.

La cooperativa Oles, rileva Nitti, “si pone in continuità con le attività dell’ex Fondazione Ico Tito Schipa di Lecce, nasce con l’obiettivo di non disperdere un importante patrimonio musicale”, ha tra le sue finalità “la promozione e la diffusione della cultura musicale in Italia e all’estero attraverso la realizzazione di stagioni sinfoniche e liriche”, dà lavoro a “circa sessanta lavoratori e offre l’opportunità a tanti giovani musicisti di trovare uno sbocco occupazionale adeguato al loro livello di preparazione”.

Per queste ragioni, conclude il deputato M5S, “appare indispensabile che il riconoscimento ministeriale per il triennio 2018/2020 tenga in debita considerazione la sostanziale continuità dell’attività dell’orchestra, oggi costituita nella cooperativa Oles e un tempo gestita dalla omonima fondazione “Tito Schipa” di Lecce, al di là della diversa soggettività giuridica”.

Rispondi