Euyo orchestra musica concerto lirica opera fondazioniUn’interrogazione sul settore della lirica “in grande sofferenza” e in particolare sul circuito operistico “Europa Musica” è stata presentata al ministro dei Beni culturali  dalla presidente del gruppo Misto-Leu al Senato, Loredana De Petris. “Numerose orchestre e tante associazioni musicali della Regione Lazio hanno cessato la loro attività, i musicisti che operano a Roma e nella provincia sono in difficoltà e i giovani che escono dai conservatori non hanno alcuna prospettiva di lavoro”, osserva De Petris che ricorda come il Lazio sia “l’unica regione priva di teatri di tradizione e di un’orchestra regionale”.

Scrive la presidente del gruppo Misto-Leu: “E’ di fondamentale importanza per il Lazio, la presenza sul territorio di realtà che generino ‘concretamente’ cultura, lavoro, produzione, distribuzione nel settore della musica classica, sinfonica e operistica; una di queste realtà è ‘Europa Musica’, una piccola oasi nel contesto musicale laziale, dove si fa produzione operistica e sinfonica, mettendo ogni anno in agibilità circa 200 tra musicisti e tecnici in un contesto di eccellenza e in un ambiente costruttivo. Ha realizzato in tre anni, 10 allestimenti operistici per 38 rappresentazioni e un totale di 255 spettacoli tra sinfonici, operistici e cameristici”.

L’ultima Commissione ministeriale per il settore musica, sottolinea De Petris, “ha, di fatto, cancellato i contributi al settore della lirica ordinaria del nostro Paese. La lirica ordinaria, sin dalla costituzione del fondo unico dello spettacolo, ha sostenuto l’attività di produzione e distribuzione delle opere liriche nelle città nelle quali non è presente un grande teatro d’opera. Ad esempio, nei territori compresi tra le città di Firenze, Roma e Napoli, che vantano una lunga tradizione operistica e in alcuni casi la presenza di storici festival operistici, con la cancellazione del contributo ministeriale, non si potranno più realizzare delle opere liriche”.

Il Teatro dell’Unione di Viterbo, inaugurato nel 1855, il più antico dei grandi teatri del Lazio al di fuori di Roma, si è visto negare la domanda di contributo per la triennalità 2018/2020. La domanda presentata nel gennaio 2017 dal Comune di Viterbo in qualità di capofila di un progetto che vedeva aderire i Comuni di: Massa Marittima (Grosseto), Civitavecchia (Roma), Cerveteri (Roma), Albano Laziale (Roma), Anagni (Frosinone), Frosinone, non è stata ammessa per “scarsa qualità artistica”. Evidenzia De Petris: “Avere tolto il contributo a Massa Marittima dopo 33 anni, a Cerveteri, Civitavecchia e Albano Laziale dopo 14 anni, è difficile da motivare. Ma soprattutto, cancellare la lirica ordinaria nel Lazio e nelle province di Grosseto e Terni è cosa grave. Eliminare l’unica opportunità di lavoro nella lirica in questi territori è qualcosa che non si può neanche ipotizzare”.

Per queste ragioni, la senatrice De Petris chiede al ministro Alberto Bonisoli se sia a conoscenza “della situazione descritta, che è andata ad aggravare ulteriormente la condizione di un settore già in grande sofferenza, con il conseguente impoverimento culturale di vasti territori e la perdita di centinaia di posti di lavoro e se non ritenga doveroso e necessario destinare adeguate risorse finanziare al circuito operistico ‘Europa Musica’”.

Leggi anche:

Musica, Nitti (M5S): La Oles di Lecce abbia qualifica di “Istituzione concertistica orchestrale”

Rispondi