Reati contro il patrimonioE’ cominciato in commissione Giustizia della Camera l’esame della proposta di legge “Disposizioni in materia di reati contro il patrimonio culturale”, presentato dagli ex ministri Pd Dario Franceschini e Andrea Orlando. La scorsa settimana l’Aula della Camera aveva votato all’unanimità la dichiarazione di urgenza per il provvedimento. “Oggi ho introdotto il testo e ci siamo limitati a soffermarci sulla finalità della proposta di legge”, dichiara ad AgCult la relatrice Valentina Palmisano (M5S) al termine della seduta della II commissione. “Ora lo valuteremo nel merito e possibilmente lo miglioreremo con degli emendamenti”, aggiunge la deputata pentastellata che, in merito all’approdo in Aula del testo, afferma: “Dovrebbe arrivare entro lunedì 8 ottobre, ma non c’è ancora una data certa”.

Domani e giovedì 27 la commissione Giustizia proseguirà con la discussione generale. “Sempre giovedì fisseremo il termine degli emendamenti che poi voteremmo la prossima settimana”, spiega Palmisano che poi commenta: “Il fatto che abbiamo ripreso la proposta di legge Franceschini-Orlando significa che ne apprezziamo l’impianto, però sicuramente c’è qualche parte da emendare”. Ad esempio, rileva, “alcune pene potrebbero risultare eccessive. Bisognerebbe commisurarle meglio alla tipologia di reato e al valore del bene culturale”. Comunque, conclude la deputata M5S, “apprezziamo che si voglia rendere organica la disciplina mettendo in un’unica fonte le norme del Codice dei beni culturali e quelle che stanno nel Codice penale sotto forma di aggravanti”.

Leggi anche:

Reati contro il patrimonio culturale, inizia iter “urgente” alla Camera (e potrebbe essere la volta buona)

Rispondi