libri e giovaniParte oggi la kermesse “Firenze Libro Aperto” (alla Fortezza da Basso a Firenze dal 28 al 30 settembre), dove anche la Regione Toscana sarà presente con diciassette “buone pratiche” per conquistare sempre nuovi lettori, soprattutto fra bambini e ragazzi.

Delle diciassette buone pratiche che saranno raccontate nella tre giorni fiorentina dieci riguardano i progetti sulla bibliodiversità ammessi e finanziati col bando regionale, ovvero quella produzione meno standardizzata ma che aiuta ad arricchire pluralità e diffusione delle idee. Un paio di iniziative riguardano la scuola e i progetti educativi di zona. C’è anche un focus rivolto alla fascia dei piccolissimi, quelli da zero a sei anni, e poi un’iniziativa che riguarda la lettura in ospedale, in particolare in un ospedale pediatrico.

Per adolescenti e giovani adulti si va da un progetto di libri per ragazzi letti da altri ragazzi ad un reading teatrale e musicale sul ‘68 ad una performance letteraria e sonora, in una ricercata contaminazione di linguaggi. Ecco tutte le buone pratiche che saranno oggetto di incontri.

Rispondi