Camera deputati manovra culturaSeguito delle audizioni su Pompei, esame della proposta di legge sui Reati contro il patrimonio culturale e la nomina del presidente della Fondazione Ordine Mauriziano sono al centro della settimana della cultura alla Camera. Giovedì sarà invece la volta delle interrogazioni indirizzate al Mibac: sulla Biblioteca Albino di Campobasso, sul murales dipinto a Pisa dall’artista Keith Haring, sull’obbligo di versamento agli archivi di Stato dei documenti relativi agli affari esauriti da oltre 30 anni, sulla Villa Paolina di Mallinckrodt a Roma, e sulle cisterne per lo stoccaggio di idrocarburi nel porto di Torre Annunziata (NA).

MARTEDI’

Proseguono martedì in commissione Cultura le audizioni nell’ambito dell’esame in sede referente della proposta di legge Gallo sull’accesso aperto all’informazione scientifica. Alle 12,30 verranno ascoltati Daniele Checchi, membro del Consiglio Direttivo dell’ANVUR, e Paola Gargiulo, coordinatrice dell’Italian Open Science Support Group (IOSSG). Relatore del provvedimento è Paolo Lattanzio (M5S).

MERCOLEDI’

Alle 10 nuova audizione in commissione Cultura nell’ambito della discussione della risoluzione Gallo concernente iniziative per la valorizzazione dell’area culturale circostante il sito di Pompei. Ad essere ascoltato, questa settimana, sarà Angelo Pica, presidente del Consorzio Costa del Vesuvio (per approfondimenti: Pompei, Gallo (M5S): Governo può varare il primo piano strategico di cultura diffusa, Camera, in comm. Cultura la risoluzione Gallo (M5S) per valorizzare l’area culturale circostante Pompei e Pompei, Casciello (FI): Governo bizzarro, manca una linea culturale).

Nelle scorse settimane sono stati già ascoltati Vincenzo Marrazzo, Presidente del Distretto Turistico “Pompei, Monti Lattari, Valle del Sarno”, e il Direttore generale del “Grande Progetto Pompei”, Generale di Brigata Mauro Cipolletta (per approfondimenti: Pompei, Cipolletta: Intervenire per valorizzare area circostante gli Scavi e Pompei, Cangini (FI) e Montevecchi (M5S): Progetto difficile, bene Cipolletta)

REATI CONTRO IL PATRIMONIO CULTURALE

Alle 14 in commissione Giustizia riprende l’esame del disegno di legge Orlando-Franceschini “Disposizioni in materia di reati contro il patrimonio culturale”. Il provvedimento inizierà l’iter in aula, come deciso dalla conferenza dei capigruppo, lunedì 15 ottobre (per approfondimenti:Reati contro il patrimonio culturale, inizia iter “urgente” alla Camera (e potrebbe essere la volta buona) e Reati contro il patrimonio culturale, alla Camera torna il ddl Franceschini-Orlando).

La proposta di legge riproduce il testo identico approvato dalla Camera dei deputati nella scorsa legislatura, con l’obiettivo – spiegano i firmatari – di “seguire un iter accelerato ai sensi dell’articolo 107 del regolamento della Camera e di giungere in tempi rapidi all’approvazione di norme così rilevanti per la tutela del patrimonio culturale della Nazione”. Nelle scorse settimane l’Aula della Camera ha votato all’unanimità la dichiarazione di urgenza per la proposta di legge.

Oltre alla discussione in sede referente nella commissione giustizia, sarà necessario aspettare anche i pareri della commissione Affari costituzionali, della commissione Bilancio, della commissione Cultura e della commissione Ambiente.

La relatrice della pdl, Valentina Palmisano (M5S), ha spiegato ad AgCult che “il fatto che abbiamo ripreso la proposta di legge Franceschini-Orlando significa che ne apprezziamo l’impianto, però sicuramente c’è qualche parte da emendare”. Ad esempio, rileva, “alcune pene potrebbero risultare eccessive. Bisognerebbe commisurarle meglio alla tipologia di reato e al valore del bene culturale” (per approfondimenti: Reati contro il patrimonio culturale, Ferri (Pd): commissioni si pronuncino velocemente e intervista di Palmisano (M5S) ad AgCult)

GIOVEDI’

INTERROGAZIONI AL MIBAC

Giornata di interrogazioni in VII commissione. Dalle 8,30 un rappresentante del Collegio Romano interverrà per rispondere alle interrogazioni di Rosalba Testamento (M5S) sugli interventi di recupero della Biblioteca Albino di Campobasso (per approfondimenti: Campobasso, Testamento (M5S): rendere nuovamente accessibile la Biblioteca Albino); di Michele Anzaldi (Pd) sul murales dipinto a Pisa dall’artista Keith Haring; di Tommaso Foti (Fdi) sull’obbligo di versamento agli archivi di Stato dei documenti relativi agli affari esauriti da oltre 30 anni (per approfondimenti: Mibac, Foti (Fdi): rispettare obbligo di versamento documenti agli archivi di Stato); di Flavia Piccoli Nardelli (Pd) sulla Villa Paolina di Mallinckrodt a Roma (per approfondimenti: Roma, Piccoli Nardelli (Pd): Mibac sostenga avvio istruttoria per tutelare villa Paolina), e del presidente di commissione Luigi Gallo (M5S) sulle cisterne per lo stoccaggio di idrocarburi nel porto di Torre Annunziata (NA).

L’interrogazione di Anzaldi

Nella sua interrogazione, il deputato dem chiede al ministero dei Beni culturali chiede di “avviare una interlocuzione con l’amministrazione comunale di Pisa al fine di scongiurare che il murales possa essere danneggiato, così come l’immagine stessa di una delle città più importanti del Paese per il richiamo di turisti”.

Il murale, spiega, “rappresenta un patrimonio unico non soltanto per la città di Pisa, si tratta dell’ultimo lascito artistico di Haring prima della sua morte. Da sempre per la critica e per gli esperti d’arte l’opera ‘Tuttomondo’ risulta avere un valore inestimabile per il messaggio e per la qualità artistica e ha anche un valore economico e comunque rappresenta un’attrazione per i visitatori della città. L’eventuale distacco della pittura dalla sua sede originaria, oltre ai rischi connessi ad un’operazione così complessa e senza precedenti, danneggerebbe irrimediabilmente l’opera, causando un danno non solo alla città di Pisa ma all’arte a livello mondiale”.

L’interrogazione di Gallo

Il presidente della commissione Cultura ricorda che il Movimento 5 stelle ha sostenuto le azioni messe in atto dai diversi comitati nati negli anni, come il Comitato Salera, “al fine di interrompere l’ampliamento delle cisterne su un territorio già pesantemente inquinato e che dovrebbe, invero, essere destinato ad un intervento di bonifica”.

L’intervento di realizzazione di due ulteriori cisterne per lo stoccaggio di idrocarburi “difficilmente risponde a quanto previsto con il piano strategico del Grande progetto Pompei, nonché con le linee guida indicate dall’ufficio Unesco della Soprintendenza di Pompei, queste ultime volte a mettere in atto i princìpi di recupero urbano e di sostenibilità ambientale”.

Per queste ragioni, Gallo chiede al Mibac quali azioni intenda assumere al fine di impedire la prosecuzione dei lavori di ampliamento delle cisterne.

FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

Alle 9 inizierà l’esame dell’atto di governo relativo alla nomina di Chiara Caucino a Presidente della Fondazione Ordine Mauriziano.

Tra gli scopi della Fondazione, c’è la conservazione e valorizzazione del Patrimonio Culturale Mauriziano, che annovera la Palazzina di Caccia di Stupinigi, l’ Abbazia di S.Maria di Staffarda, la Precettoria di S.Antonio di Ranverso, l’Archivio Storico, oltre alla Basilica Mauriziana di Torino, ai molti altri monumenti e luoghi di culto e alle componenti immateriali di preservazione della memoria.

Leggi anche:

Camera, la settimana prossima in comm. Cultura audizioni su Pompei e open access

Rispondi