Galleria nazionale Gnam museiConsip Spa ha pubblicato, per conto del Ministero dei Beni culturali, un bando di gara a procedura aperta per l’affidamento in concessione dei servizi di caffetteria, ristorazione e catering presso La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea. Il valore dell’appalto è di 8,5 milioni di euro. Le offerte andranno presentate entro il 14 novembre 2018.

La presente procedura ha per oggetto l’affidamento in Concessione dei servizi di caffetteria, ristorazione e catering presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea a fronte del pagamento, da parte del Concessionario, di un canone e di una royalty in favore dell’Amministrazione non distinti per tipologia di attività commerciale. La royalty andrà calcolata sul fatturato annuo, al netto degli incassi derivanti dalle consumazione dei dipendenti de La Galleria Nazionale.

LA GNAM

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea nasce a Roma nel 1883 per rappresentare l’arte nazionale del nuovo Stato unitario. Inizialmente priva di collezione e senza una collocazione fissa, venne ospitata al Palazzo delle Esposizioni.

Nel 1911 fu deciso di collocarla nel Padiglione delle Belle Arti, a Valle Giulia e, nello stesso anno, il palazzo fu acquisito per la Galleria. Il trasloco della Galleria nel nuovo palazzo fu completato nel luglio del 1915. Ad oggi, custodisce la più completa collezione dedicata all’arte italiana e straniera tra il XIX e il XXI secolo.

Tra dipinti, disegni, sculture e installazioni, le quasi 20.000 opere della raccolta sono espressione delle principali correnti artistiche degli ultimi due secoli, dal Neoclassicismo all’Impressionismo, dal Divisionismo alle Avanguardie storiche dei primi anni del Novecento, dal Futurismo e Surrealismo, al più cospicuo nucleo di opere di arte italiana tra gli anni ’20 e gli anni ’40, dal movimento di Novecento alla cosiddetta Scuola Romana.

Un altro importante nucleo è costituito da opere del periodo informale del secondo dopoguerra, da quelle della Pop Art e dell’Arte povera. La collezione comprende anche artisti del nostro tempo.

I SERVIZI

Il Padiglione delle Belle Arti, oltre al museo, ospita oggi una biblioteca d’arte specializzata, un archivio settoriale e aree dedicate ai servizi di fruizione al pubblico, come il ristorante-caffetteria «Caffè delle Arti» e il bookshop e, all’interno della Welcome Area, il punto di ristoro «Trojan Cafè». Ciò in quanto gli spazi occupati dai servizi aggiuntivi sono stati variati nel corso dell’ultimo anno per volere della nuova Direzione che ha restituito al museo lo spirito originario del 1915, anno dell’apertura ai visitatori. E’ stata difatti creata una «Welcome area», firmata da Marti Guixé, consistente in un’area adiacente l’ingresso, all’interno della quale sono stati posizionati i servizi di accoglienza alla visita: biglietteria, infopoint, bookshop, «Trojan Cafè». Si tratta di un’area che può essere fruita anche dal pubblico esterno al museo, permettendo alla Galleria di interfacciarsi dinamicamente con il contesto esterno.

Approfondimenti:

Leggi la documentazione di gara

Rispondi