E’ online il bando della Commissione europea per progettare e realizzare varie attività per la rete dei siti del Marchio del patrimonio europeo. Lo scopo è selezionare un coordinatore (una singola entità giuridica o un consorzio di organizzazioni) per avviare attività di networking e capacity building, scambio di buone pratiche tra i siti del Marchio, e attività di comunicazione e promozione. Il bando ha un budget di 500mila euro. Le domande possono essere presentate entro il 3 gennaio 2019.

GLI OBIETTIVI

Gli obiettivi specifici del bando sono promuovere il networking dei siti del Marchio, incoraggiare i siti a sviluppare progetti comuni, aumentare la capacità di agire a livello internazionale, sostenere lo sviluppo di programmi educativi congiunti, migliorare la visibilità dell’azione dell’UE e dei siti del Marchio. La durata del progetto deve essere di 20 mesi. L’azione deve contribuire agli obiettivi generali del Marchio del patrimonio europeo di rafforzare il senso di appartenenza all’Unione europea dei cittadini, in particolare quello dei giovani, sulla base di valori ed elementi condivisi della storia e della cultura europea.

LE ATTIVITA’

I candidati dovranno descrivere in che modo intendono svolgere le seguenti attività e in che modo esse si allineano agli obiettivi del Marchio del patrimonio europeo:

  • Fornire un quadro per il coordinamento di una rete di siti del Marchio; definire la sua metodologia e strategia globale, definire i compiti da svolgere e i mezzi per garantirne la sostenibilità.
  • Coinvolgere le diverse attività e cooperare con i siti che non sono tra i beneficiari diretti dell’azione, se necessario.
  • Sviluppare e mantenere un sito web multilingue per il pubblico in generale. Il sito web dovrebbe contenere informazioni di interesse sui siti e sulle attività che organizzano.
  • Mantenere e sviluppare un sito web contenente informazioni pertinenti sui finanziamenti, sulle opportunità di networking e di cooperazione.
  • Sviluppare strumenti e attuare attività di comunicazione per migliorare la visibilità dell’azione dell’UE e dei siti del Marchio.
  • Sviluppare e implementare attività di networking per i siti. Queste potrebbero includere conferenze, workshop, scambio di migliori pratiche ed esperienze, anche con mezzi digitali.
  • Sviluppare e attuare attività di capacity building per i siti. Queste potrebbero includere scambi multilaterali, formazione peer-to-peer, tutoraggio da parte di esperti.
  • Promuovere lo sviluppo di progetti individuali o congiunti che perseguono gli obiettivi dell’invito. Queste attività dovrebbero mirare a illustrare il valore simbolico dei siti ed essere collegate agli eventi significativi dell’Unione europea. Queste attività possono includere schemi di finanziamento nell’ambito di specifici inviti a presentare proposte, che devono essere effettuati dai beneficiari o da altri siti.
  • Organizzare una conferenza annuale su argomenti relativi all’azione del Marchio del patrimonio europeo, aperta ai siti coinvolti e ad altre parti interessate.

Per approfondimenti:

Scarica il bando completo

Leggi anche:

Marchio del patrimonio Ue, l’Italia si prepara alla selezione 2019

Marchio del patrimonio Ue, Panebianco (Mibac): su candidature spero in risposta importante

Rispondi