turismo-innovazione-digitale“Da una parte si sta investendo molto più che in passato nel divulgare la cultura, dall’altra abbiamo dei giovani che hanno necessità di trovare lavoro ma hanno anche la verve, la voglia e l’abitudine di utilizzare nuovi strumenti. La sfida per il futuro sarà quella di far entrare in contatto questi due aspetti”. Lo ha detto Giuseppe Costa, presidente e amministratore delegato di Opera Laboratori Fiorentini, intervistato da AgCult a margine del convegno “Il futuro delle professioni culturali: cosa cambia, cosa resta”, promosso da Confassociazioni e dall’Associazione Civita.

“Il mondo del lavoro nel settore dei beni culturali ha bisogno di nuove iniziative e non si può che essere ottimisti per il futuro – prosegue Costa -. Visto che la disoccupazione giovanile è una questione fondamentale da risolvere, una buona soluzione si può trovare incentivando la formazione e introducendo nuovi strumenti nella divulgazione culturale”.

Leggi anche:

Maccanico (Civita): Cultura all’avanguardia per creare nuove professionalità

Lampis: sistema museale volàno per le professioni del futuro

Deiana (Confassociazioni): Professioni del futuro? Quelle che fanno “ponte” tra cultura e tecnologia

A Roma convegno sul futuro delle professioni culturali: “Credere nell’abbraccio tra cultura e mercato”

Bonisoli: Con rivoluzione digitale professioni culturali in rapida evoluzione

Cultura, Casciello (FI): su investimenti da governo segnali non confortanti

Rispondi