Bonisoli moda“Lo Stato deve essere al fianco di chi sta tutti i giorni in azienda, nel mercato o in giro in tutto il mondo per promuovere il Made in Italy perché questo è uno dei settori che può trainare il Paese. Al Sistema Moda il Mibac deve saper offrire supporto promuovendo collaborazioni con il Sistema Cultura. Azioni semplici da organizzare ma certamente molto efficaci dal punto di vista della promozione”. Alberto Bonisoli, ministro dei Beni culturali, ha partecipato, al Ministero dello Sviluppo Economico assieme a Luigi Di Maio, al primo incontro che fa partire il Tavolo Della Moda. “Un’occasione importante di confronto con i protagonisti di uno dei settori storicamente più rilevanti dell’economia italiana”, ha detto Bonisoli.

“Operazioni di promozione e collaborazione tra moda e cultura, ma verso l’estero – ha proseguito Bonisoli -, si possono fare incentivando la collaborazione con la rete degli Istituti Italiani di Cultura e attraverso di loro non solo promuovere ma far comprendere cosa ci sia dietro al made in Italy”. Il Ministero per i beni culturali può inoltre impegnarsi “a proteggere la storia di questo settore produttivo, attraverso la promozione e l’incentivazione dei Musei Della Moda che raccolgano i modelli e gli archivi delle case di produzione, ma anche delle botteghe artigiane, che hanno fatto la storia dell’eleganza italiana, riconosciuta in tutto il mondo”.

Rispondi