A Torino, giovedì 11 ottobre, presso l’Archivio di Stato (Sezione Corte – Sala conferenze, piazza Castello 209, ingresso da piazzetta Mollino), dalle 9 alle 13 si tiene l’incontro “Un patrimonio a portata di click. Il nuovo sito dell’ASTo: un progetto di umanistica digitale al servizio del pubblico”.

L’evento rientra nella manifestazione “Luoghi della cultura digitale”, una settimana di incontri per conoscere progetti e iniziative di biblioteche, musei e archivi.

Interverranno, fra gli altri, Elisabetta Reale (Direttrice dell’Archivio di Stato di Torino), Arianna Spigolon (Compagnia di San Paolo) e Marco Carassi (Responsabile scientifico Associazione Amici dell’Archivio di Stato di Torino).

Il 1° ottobre scorso, si legge sul sito della Direzione generale Archivi del Mibac, è stato pubblicato il nuovo sito internet dell’Archivio di Stato di Torino. La riorganizzazione dei contenuti editoriali e la re-ingegnerizzazione della piattaforma di gestione del patrimonio si sono basati sull’esperienza consolidata con gli utenti nel corso degli ultimi vent’anni, da quando, nel 1996, l’Archivio di Stato di Torino fece il suo ingresso nella rete, caratterizzandosi tra i primi istituti culturali italiani a dotarsi di una presenza sul web.

L’intervento ha comportato la riconsiderazione radicale delle modalità di accesso alle informazioni custodite nella banca dati (di oltre 700.000 record) che descrive gli 83 km di documenti dell’archivio, la riorganizzazione e l’ampliamento degli apparati informativi, lo studio di un design immersivo e dinamico.

L’incontro si propone di illustrare il progetto, presentarne gli obiettivi, descrivere le soluzioni adottate, discutere i risultati, individuare i traguardi ancora da raggiungere.

Leggi anche:

Il patrimonio culturale nell’era di internet: al via fino al 12 ottobre “Luoghi della cultura digitale”

Miur-Mibac, per una scuola protagonista della cultura nell’era digitale

Bonisoli: Con rivoluzione digitale professioni culturali in rapida evoluzione

Mibac, convegno sugli archivi e il loro pubblico nel mondo digitale

Rispondi