Lettura libroGiovedì 18 ottobre 2018 alle 18.30 – nella sede di Villa Doria Pamphili a Roma – si terrà la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del Premio De Sanctis per la Saggistica. Il Premio De Sanctis intende colmare una lacuna e portare all’attenzione del più vasto pubblico un genere che oggi peraltro va affermandosi da sé, nella sua energia cognitiva e nella sua duttilità formale, la saggistica. A differenza del romanzo, che spesso si rivela inadeguato alla sua originaria missione di conoscenza e critica della realtà, la saggistica è oggi in Italia un “caso” del tutto nuovo, che vale la pena osservare.

Alla cerimonia, interviene il direttore generale Biblioteche e Istituti culturali del Mibc, Paola Passarelli.

I VINCITORI

La Giuria dell’VIII edizione del Premio De Sanctis alla Saggistica – composta da Giorgio Ficara (Presidente), Franco Cordelli, Nadia Fusini, Raffaele La Capria, Giacomo Marramao, Raffaele Manica, Raffaello Palumbo Mosca, Elisabetta Rasy – ha selezionato i vincitori per l’anno 2018 che sono:

Premio saggistica economica: “I sette peccati dell’economa italiana” di Carlo Cottarelli (Feltrinelli 2018): Premio speciale della giuria “Leggere Simone Weil” di Giancarlo Gaeta (Quodlibet 2018); Premio per il saggio breve “E pluribus Unam, la lezione sull’Europa” di Javier Cercas; Premio per la saggistica “De Sanctis e la Storia” di Amedeo Quondam (Giannini 2017, Viella 2018).

Tra i vincitori delle ultime edizioni: Massimo Cacciari per “Hamletica”; Giulio Ferroni per “Ariosto”; Stefano Agosti per “Il romanzo francese dell’800”; GianLuigi Beccaria per “Misticanze”; Piero Boitani per “Il Vangelo secondo Shakespeare”; Pietro Citati per “Leopardi”; Enzo Golino per “Storia e Lady Scrittura”; Silvio Perrella per “Introduzione a Saba” ; Carlo Ossola per “Introduzione alla divina commedia” ; Ermanno Rea per “Io reporter”; Giulio Guidorizzi per “il Mito Greco”; Giorgio Napolitano per “Europa, politica e passione”, Gustavo Zagrebelsky per “Diritti per forza” Einaudi 2017.

Rispondi