Castello Amboise Leonardo LoiraMissione in Francia per la vice presidente della Regione Toscana Monica Barni. L’assessore alla Cultura e Ricerca sarà Oltralpe il 18 e il 19 ottobre per siglare un’intesa con la regione francese Centre-Val de Loire nel nome di Leonardo da Vinci. Un’intesa che avrà al centro la figura del genio rinascimentale condiviso tra le due regioni, ma con riflessi anche su altri ambiti, in particolare quelli turistico, culturale e della ricerca.

LEONARDO DA VINCI E LA TOSCANA

Il prossimo anno si celebra la ricorrenza del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, evento di rilevanza a livello mondiale, che sarà ricordato nel corso dell’anno con numerose iniziative dedicate a questa personalità unica di artista, di inventore e di grande maestro del Rinascimento.

La Toscana sarà in prima fila considerato il legame indissolubile con Leonardo: l’opera dell’artista sarà infatti sempre collegata alle influenze che il rinascimento fiorentino ha avuto su di lui e del quale egli stesso è stato indiscusso protagonista. La Toscana è inoltre disseminata di opere che portano il segno dell’artista e dello scienziato, senza considerare che il paesaggio che Leonardo raffigura nei suoi dipinti è quello toscano.

IL LEGAME TRA LA TOSCANA E LA LOIRA

È per questo che la Toscana ha messo a punto una serie di iniziative tra cui rientra anche l’intesa con la regione francese Centre-Val de Loire. Ed è proprio il genio di Leonardo a legare le due regioni. In Francia l’artista ha passato gli ultimi tre anni della sua vita. Dal 1516 Leonardo visse infatti nel castello di Clos Lucé nella Loira che il Re Francesco I gli aveva messo a disposizione accogliendolo in Francia, lo stesso castello dove morì nel 1519. Il protocollo di intesa sarà finalizzato alla realizzazione di un progetto di collaborazione tra le due Regioni che vedrà eventi e iniziative per la valorizzazione territoriale e turistica dei due territori.

L’INTESA TRA LE DUE REGIONI

Le due Regioni “stimoleranno e faciliteranno gli scambi e la collaborazione nei settori di comune interesse con riferimento particolare a: cultura, arti e patrimonio; insegnamento superiore e ricerca, turismo”.

TURISMO – Per il turismo è prevista l’elaborazione dei contenuti approfonditi sugli itinerari e luoghi leonardiani toscani e la divulgazione di una brand identity leonardiana in chiave contemporanea. Ma anche la realizzazione di strumenti promozionali congiunti on e offline finalizzati alla promozione e alla divulgazione della programmazione degli itinerari tematici e luoghi dedicati a Leonardo. Sarà prevista anche l’organizzazione di due eventi di presentazione/divulgazione, uno in Toscana ed uno in Francia finalizzati a promuovere i percorsi leonardiani con scambio di best practice. Inoltre, la promozione e la valorizzazione dei luoghi e dei percorsi leonardiani delle due regioni in occasione delle principali fiere e manifestazioni di settore ai quali la Toscana e la Regione Centro-Valle della Loira saranno presenti nel 2019. Infine, la riflessione e l’elaborazione di azioni e strumenti comuni favorendo gli scambi turistici tra la Toscana e la Regione Centro-Valle della Loira.

CULTURA – Per l’ambito culturale sono previsti il raccordo e la promozione congiunta dei calendari delle celebrazioni leonardiane della Toscana e della Valle della Loira, la promozione incrociata e reciproca dei musei e dei luoghi della cultura coinvolti, nonché dell’offerta culturale integrata. Come anche lo scambio di iniziative culturali e di divertimento, favorendo in particolare la circolazione degli artisti e delle opere. Infine, scambi di visite di giovani in età scolare.

RICERCA – Per la ricerca si punterà sul raccordo fra i team di ricerca impegnati sull’opera di Leonardo da Vinci fornendo anche il supporto alle attività di ricerca congiunta realizzate da studiosi italiani e francesi sulle stesse tematiche. Attenzione anche all’accompagnamento e al supporto alle iniziative che consentono collaborazioni e cooperazioni tra scuole, università e scuole di istruzione superiore, favorendo in particolare la circolazione degli studenti e insegnanti. senza trascurare le azioni di divulgazione e comunicazione dei risultati di ricerca.

LE ALTRE INIZIATIVE TOSCANE PER LEONARDO

Sono numerose le iniziative a cui, la Regione Toscana, i comuni più legati alla vita e all’opera di Leonardo hanno messo a punto. A settembre 2017 è stato sottoscritto un Protocollo d’intesa per la realizzazione di azioni finalizzate alla promozione e alla valorizzazione degli aspetti storici, ambientali e culturali dei luoghi leonardiani. Tra i firmatari toscani, oltre al Comune di Vinci, ci sono il Comune di Firenze, il Comune di Anghiari, il Comune di Piombino, il Comune di Pontedera, il Comune di San Sepolcro, l’Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa, mentre tra gli altri comuni non toscani, il Comune di Milano e il Comune di Amboise in Francia. Il protocollo prevede almeno una iniziativa durante l’anno 2019 nel territorio di ciascun soggetto firmatario.

La Regione Toscana ha attivato da giugno 2018 un tavolo di concertazione, quale strumento di coordinamento fra i vari soggetti dei territori interessati (Comune di Vinci, Comune di Anghiari, Comune di S. Sepolcro, Comune di Firenze, Comune di Pontedera, Comune di Empoli, Comune di Piombino, Museo della Scienza di Firenze, Galleria degli Uffizi, Unicoop Firenze) anche al fine di garantire un’efficace forma di sostegno e di raccordo degli eventi attraverso un calendario generale della Regione Toscana che vede tutti i principali eventi che si svolgeranno da fine 2018 a tutto il 2019.

La Regione Toscana ha promosso, infine, assegni di ricerca per percorsi di alta formazione e un bando pubblico per erogare risorse a supporto delle celebrazioni leonardiane.

IL COMITATO MINISTERIALE

Il Comitato nazionale, istituito dal MIBACT ha avuto il compito di elaborare e valutare il fitto programma culturale che comprende attività di restauro, di ricerca, formativa ed espositiva, l’organizzazione e la gestione di manifestazioni in ambito culturale, storico, scientifico e artistico e la Regione Toscana e la Regione Lombardia si sono candidate a supportare il Comitato nazionale mediante la promozione delle più diversificate iniziative nei campi scientifici, culturali e progetti di turismo, nonché la loro diffusione, sviluppando un piano di comunicazione multicanale rivolto ai diversi target.

GLI OBIETTIVI DELLA REGIONE TOSCANA

Regione Toscana, con queste iniziative, vuole valorizzare e promuovere l’eredità artistica e scientifica di Leonardo in Toscana, mettendo a punto in maniera condivisa un itinerario ideale nei Comuni toscani alla scoperta dei musei, delle opere e delle architetture di o nel segno di Leonardo. Inoltre, intende proporre un programma di iniziative (mostre, concerti, spettacoli, visite guidate etc.), che utilizzino diversi linguaggi e discipline artistiche e rendano evidente in maniera efficace la vitalità dell’opera e del pensiero leonardesco nella Toscana contemporanea.

Rispondi