Castello Amboise Leonardo LoiraUn’intesa nel segno di Leonardo da Vinci è stata siglata ieri in Francia dalla Regione Toscana, rappresentata dall’assessore alla cultura Monica Barni, e dalla Centro-Valle della Loira. L’obiettivo di entrambe le Regioni è promuovere la ricchezza culturale e la creatività del proprio territorio attraverso una cooperazione che nasce dalla valorizzazione di una figura straordinaria e simbolica come quella del genio di Vinci, nato in Toscana e morto ad Amboise, in Loira.

“L’intesa siglata con la Regione della Loira – spiega l’assessore Barni – è un significativo atto di collaborazione internazionale che abbiamo voluto per stimolare ancora di più la creatività dei giovani e creare nuove opportunità anche per il turismo e la ricerca, rilanciando il brand ‘Leonardo’ in chiave contemporanea. Sono certa che questa collaborazione sarà importante per elaborare itinerari leonardiani e strumenti promozionali congiunti, organizzare eventi, promozione congiunta dei musei e delle celebrazioni leonardiane. Senza contare il fondamentale aspetto della ricerca, per la quale sarà preziosa l’attività di raccordo tra studiosi italiani e francesi e la collaborazione tra scuole, università e scuole di istruzione superiore”.

Regione Toscana vuole valorizzare e promuovere l’eredità artistica e scientifica di Leonardo prendendo spunto anche dal cinquecentenario della morte che si celebrerà il prossimo anno. Vuole favorire la scoperta di musei, opere, iniziative che utilizzino diversi linguaggi e discipline artistiche per evidenziare la vitalità dell’opera e del pensiero leonardiano nella Toscana contemporanea. L’intesa tra la Toscana e la Loira durerà fino al 31 maggio 2020, alla sua scadenza potrà essere rinnovata.

“In linea con lo spirito di questa intesa – conclude Barni – sosterremo nove progetti a tema leonardiano che saranno realizzati dai Comuni di Anghiari, Vinci, Firenze, Sansepolcro, Empoli, Pontedera e Buti oltre che dalle Fondazioni Parsec-Parco delle scienze e della cultura e dalla fondazione Istituto del dramma popolare di San Miniato. Si tratta di mostre, progetti multimediali, itinerari leonardiani, progetti teatrali. In Toscana anche molte altre realtà stanno elaborando e proponendo iniziative a tema leonardiano, che la Regione sta raccogliendo in un calendario. Questo a dimostrazione di quanta attenzione e curiosità stimoli ancora oggi la figura del genio di Vinci”.

Rispondi