Sacra San Michele incendioIl Mibac ha avviato il cantiere di restauro della Sacra di San Michele della Chiusa dopo che il 24 gennaio scorso un incendio aveva distrutto parte del tetto dell’edificio. L’incendio aveva distrutto parte della copertura e gravemente danneggiato le volte dell’ultimo piano, compromesse dal crollo degli elementi lignei e lapidei della copertura e dall’acqua impiegata per lo spegnimento; nei giorni immediatamente successivi all’incendio, il Comando dei Vigili del Fuoco aveva realizzato una copertura leggera e provvisionale, che ha fino ad oggi protetto l’edificio.

IL CANTIERE

Avviato il 15 ottobre scorso, sono stati montati i ponteggi e avviati lavori che garantiranno la sicurezza e la conservazione del monumento, grazie a un milione di euro reso disponibile dal Ministero per i beni e le attività culturali, tramite la rimodulazione del piano degli interventi finanziati dall’art. 140 della legge n. 232/2016. “La prontezza nella erogazione delle risorse – osserva il Segretario regionale del MiBAC per il Piemonte, Gennaro Miccio – conferma l’attenzione del Ministero nei confronti del patrimonio culturale piemontese”.

I TEMPI DEL RESTAURO

Il Segretariato regionale per il Piemonte e la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Torino prevedono entro marzo 2019 la conclusione del primo lotto di opere, che restituirà piena agibilità ai locali del convento. Saranno eseguiti il consolidamento e la messa in sicurezza delle murature e delle volte, quindi la ricostruzione della copertura bruciata, che ritroverà il suo manto di caratteristiche lose.

Nella seconda metà del 2019, con conclusione nell’anno successivo, verranno eseguite ulteriori opere, necessarie per garantire la sicurezza dell’Abbazia, potenziando e incrementando i presidi e le dotazioni per la prevenzione incendi. Secondo il Soprintendente, Luisa Papotti, “il cantiere restituirà integro il paesaggio del Monte Pirchiriano e l’immagine della Sacra; al tempo stesso offrirà l’opportunità di affrontare il tema complesso della sicurezza di un monumento di grande valore emblematico”.

Rispondi