Paestum tempio Atena musei

Ancora pochi giorni per partecipare all’edizione 2018 di Archeo Virtual “Archeologia e digitale: lo stato dell’arte”, promossa da Consiglio Nazionale delle Ricerche e la Direzione generale Musei del Ministero dei Beni culturali. Musei e Parchi archeologici italiani potranno infatti inviare entro il 5 novembre video che presentino applicazioni multimediali per la valorizzazione dei beni culturali.

I video ritenuti più idonei saranno proiettati durante l’edizione 2018 della mostra sulle applicazioni digitali e i progetti di archeologia virtuale. La mostra si terrà dal 15 al 18 novembre 2018 a Paestum, durante la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (BMTA).

SOGGETTI AMMESSI A PARTECIPARE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

Il bando è aperto a musei e luoghi della cultura statali di carattere archeologico e musei di appartenenza pubblica. Possono partecipare anche musei privati e altri luoghi della cultura privati sempre di natura archeologica. Aperta anche la partecipazione a soggetti pubblici o privati titolari di diritti di esposizione e replica di istallazioni e applicazioni aventi come soggetto beni archeologico di pertinenza pubblica.

I progetti saranno valutati dal Comitato scientifico dell’Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del CNR. Il progetto verrà valutato per la sua innovazione tecnologica (25%), innovazione nella strategia narrativa (25%), leggibilità dei contenuti (20%) e per l’impatto museografico (20%). Infine saranno anche valutate eventuali indagini su l’efficacia già raggiunta dal progetto (10%).

La selezione avverrà sulla base di criteri di originalità, efficacia ed innovazione tecnologica in relazione alla strategia comunicativa e al contesto espositivo di riferimento indicato per ciascun video.

IL COMITATO SCIENTIFICO

Il Comitato scientifico che selezionerà le candidature sarà composto da Augusto Palombini quale responsabile scientifico di ArcheoVirtual e ricercatore del CNR. Palombini sarà affiancato da Daniele Ferdani e Sofia Pescarini, archeologi del CNR, Alfonsina Pagano, esperta di comunicazione CNR, Eva Pietroni, storica dell’arte del CNR, Bruno Fanini, informatico CNR, e Enzo d’Annibale, ingegnere CNR.

Approfondimenti:

Link al bando

Link all’avviso della DG Musei

 

Rispondi