Bacchella MateraSi è conclusa con la tappa finale di Bari e Matera l’edizione 2018 di ArtLab, la piattaforma indipendente italiana dedicata all’innovazione delle politiche, dei programmi e delle pratiche culturali. Ma ArtLab – organizzata dalla Fondazione Fitzcarraldo – è anche molto altro. In questo luogo ideale, che da dodici anni viaggia per l’Italia, sono nate leggi, si sono formate imprese, si sono attivate connessioni, si è formata una parte importante del pensiero che circonda oggi le politiche culturali nel nostro Paese.

Fil rouge di tutte le tappe 2018 è stato il contributo delle imprese culturali e creative alla valorizzazione dei patrimoni materiali, immateriali e digitali. Sono stati sei, in particolare, i focus che si sono tenuti nel corso dell’incontro di Bari e Matera: Nuove forme di partenariato pubblico-privato per la valorizzazione del patrimonio ai fini di innovazione sociale e culturale; Imprese ed enti nella valorizzazione del patrimonio culturale tra mecenatismo ed Art Bonus; Legalità e cultura; Le nuove frontiere del Turismo sostenibile; Accesso al credito e strumenti finanziari per le imprese culturali e creative e Una Nuova Agenda Europea per la Cultura.

“E’ stato il consueto intrecciarsi di temi molto diversi, ma perché questo è il senso di Art Lab: esporre tuti gli attori dell’ecosistema culturale a temi anche diversi da quelli che affrontano quotidianamente”, ha spiegato ad AgCult il presidente di Fondazione Fitzcarraldo, Ugo Bacchella. “L’idea è che la complessità e la potenzialità che ha il lavoro culturale si può esprimere se però si ha uno sguardo ampio, perché se ci si chiude nelle nicchie di settore o nei propri territori, soprattutto oggi, si perdono troppi pezzi”.

In questo momento, ha aggiunto, “la funzione di incontro tra gli operatori è particolarmente importante perché la rapidità dei processi di trasformazione tecnologica ci sta cambiando tutti: impone di guardarsi intorno e farlo insieme fa differenza”.

Altro fattore importante per Bacchella è “mettere insieme i diversi attori: questo in particolare si è visto nei lavori sul partenariato pubblico-privato: mettere insieme chi gestisce, o si candida a utilizzare, dei luoghi sottoutilizzati con le Fondazioni e con pubblico, ha prodotto la bellissima sessione finale dove si sono confrontati Confindustria, Anci, Fondazioni e Alfredo Moliterni, Consigliere giuridico del ministro dei Beni culturali”.

Prossimi appuntamenti

Archiviata l’edizione 2018, ArtLab guarda già al 2019. Il prossimo appuntamento sarà a metà di giugno a Milano, per poi tornare nuovamente in autunno a Bari e Matera. Inoltre, ha annunciato Bacchella, “rifaremo in modo molto potenziato il Forum degli investimenti, il cui obiettivo è facilitare l’incontro tra imprese creative e potenziali finanziatori”.

Leggi anche:

Rigenerazione urbana, ad ArtLab l’esperienza delle Fondazione italiane

Cultura e innovazione sociale, ad ArtLab focus sul riutilizzo del patrimonio pubblico

Codice degli appalti, Moliterni (Mibac): Art. 151 grande opportunità per il futuro del patrimonio culturale nel nostro Paese

Pubblico e privato a sostegno della cultura: ad ArtLab 18 focus su motivazioni ed incentivi

Partenariato pubblico-privato per la valorizzazione del patrimonio: i casi di Gb e Olanda

Imprese culturali e creative, Cdp: 3.500 Pmi potrebbero beneficiare dell’accordo con Fei

Art Bonus, Botti (Ales): misura che funziona ed è molto apprezzata

Mecenatismo, Paulillo (Confindustria Puglia): imprenditori pronti, ci vuole un nuovo umanesimo

Riutilizzo del patrimonio pubblico, i casi di Officine Culturali e del Teatro Tascabile di Bergamo

Rispondi