Scavi di PompeiLa risoluzione Gallo (M5S) approvata dalla commissione Cultura della Camera è “fondamentale, proprio perché per luoghi simbolo come Pompei o per eventi importanti come sarà Matera 2019, si crea lo stesso problema di gestione dei beni culturali e del territorio. E con questa risoluzione abbiamo aperto un ragionamento su come possano essere gestiti eventi e beni culturali diffusi”. Lo ha sottolineato ad AgCult il deputato Paolo Lattanzio (M5S), componente della VII commissione di Montecitorio. “Un tema quindi che riguarda Matera e riguarderà Taranto (dove cercheremo di fare un discorso non solo di bonifica ambientale e di allontanamento dall’acciaio), un tentativo di ragionare su questi spazi allargati, sia per gli enti che per i soggetti che vi partecipano”.

Lattanzio spiega infatti che “la difficoltà che abbiamo riscontrato in alcuni casi, e che qui cerchiamo di promuovere, è quella dell’inclusione, ovvero il coinvolgimento anche di quei soggetti che in progetti totalmente ‘verticali’ sono tagliati fuori, sia come gestione, sia come ricadute, sia come possibilità di contribuire con prodotti artistici e culturali”.

Il valore aggiunto di questa risoluzione, aggiunge il deputato, “è aver fotografato un modello che può essere utilizzato in varie circostanze”.

Leggi anche:

Camera, via libera a risoluzione Pompei. Gallo (M5S): Indirizzo politico importante a governo e Mibac

Pompei, Casciello: FI astenuta perché governo contraddittorio su turismo

Pompei, Piccoli Nardelli: Pd contrario a risoluzione che nega centralità dell’hub

One Comment

  1. Pingback: Ecco come il M5s potrebbe controllare l'informazione scientifica - WordWeb

Rispondi