Ultimo appuntamento del ciclo curato dall’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia “Gli Italiani dell’Altrove” dedicato alle Minoranze Linguistiche Storiche d’Italia: questa volta saranno protagonisti i Cimbri e i Mòcheni, in un evento che vanta il patrocinio della CNI Unesco e della Società Dante Alighieri.

In Italia sono riconosciute dodici Minoranze linguistiche storiche, ovvero Comunità di lingua non italiana che, nel corso della storia, sono diventate parte essenziale della nostra complessiva identità. Il progetto, dal 2012, contribuisce a mettere in luce la realtà storica e contemporanea delle Minoranze Linguistiche Storiche d’Italia, con il loro peculiare patrimonio culturale immateriale, proponendone un’immagine viva, con ampio spazio per reading letterari, musica, tradizione alimentare. In particolare, si intende invitare a riflettere sull’esperienza storica condivisa di convivenza e integrazione, ma anche di conservazione dell’identità di altri che rappresentano un “altrove”, senza dimenticare l’attualità del tema dell’immigrazione nel nostro Paese.

Nata anche grazie alla collaborazione con PAT-Provincia Autonoma di Trento (Servizio Minoranze Linguistiche), la giornata del 15 novembre 2018 ospiterà nella mattinata una panoramica socio- linguistica approfondita, con interventi, letture e testimonianze delle Comunità del Trentino (Cimbri e Mòcheni) e del Veneto (Cimbri).

IL PROGRAMMA

L’evento prenderà il via alle 10 presso la sede dell’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia (piazza Guglielmo Marconi, Roma) – Sala “Diego Carpitella”. I saluti istituzionali sono affidati a Emilia De Simoni (Mibac, ICDe – Responsabile Scientifico di progetto) e Stefania Baldinotti (Mibac, ICDe – Funzionario antropologo).

La cucina e la degustazione dei sapori tipici, a seguire, saranno a cura di Luca Zotti, mentre nel pomeriggio ampio spazio alla condivisione e al racconto di iniziative e progetti culturali, per concludere infine con la musica dal vivo della Corale Polifonica Cimbra e del gruppo folk Palaier Learmusikantn.

Rispondi