Invitalia MibacSono 2 lombarde e una campana le 3 startup vincitrici dell’Accelerathon sullo Smart Tourism di FactorYmpresa Turismo, chiusosi oggi a Roma nell’ambito del festival Economia Come, promosso da Invitalia.

Si tratta di TypicalEats e Guido Tour Sharing dalla Lombardia e Woolysses dalla Campania.

TypicalEats è un portale web di specialità gastronomiche che permette a turisti e amanti del buon cibo di scoprire quali sono i piatti tipici di ogni località e quali sono i ristoranti che li preparano meglio.

GUIDO (iloveg1#uido.com) è una piattaforma di acquisto online di visite guidate, in cui i visitatori si uniscono in gruppi medio-piccoli (tour sharing) per ottenere uno sconto in cambio di un tour collettivo.

Woolysses prevede lo sviluppo di una soluzione tecnologica “on-cloud” in grado di alimentare la conoscenza e di erogare i servizi di uno «smart assistant» attraverso chatbot multichannel (Web, Social, App).

Domenico Arcuri, Amministratore Delegato di Invitalia, ha consegnato agli imprenditori dei 3 progetti vincitori assegni da 15.000, 10.000 e 5000 euro da utilizzare per sviluppare l’idea di business.

FactorYmpresa Turismo è il programma promosso dal MiBAC e gestito da Invitalia che offre servizi di tutoraggio e contributi economici alle imprese e agli aspiranti imprenditori della filiera turistica, con l’obiettivo di far crescere qualitativamente l’offerta e rendere l’Italia più competitiva sui mercati internazionali.

Guidati dai tutor e dai mentor di Invitalia, gli startupper delle 10 imprese selezionate dall’Agenzia attraverso una call nazionale, hanno lavorato con entusiasmo e a ritmi intensi per migliorare il modello di business e “accelerare” la realizzazione dei loro progetti per innovare il settore del turismo intelligente e in grado di creare servizi “smart” per i viaggiatori, per gli operatori, le imprese del turismo e le governance territoriali. Obiettivo? Mettere al centro i sistemi digitali intelligenti per il turismo, allargando lo sguardo a tutto il Paese e focalizzandosi sulla creazione di servizi digitali innovativi, rapidi, efficienti e semplici per rendere più intelligente l’agire dei turisti, degli operatori e dei territori.

LE 3 STARTUP VINCITRICI

Primo classificato

TypicalEats – Lombardia
TypicalEats è un portale web di specialità gastronomiche che permette a turisti e amanti del buon cibo di scoprire quali sono i piatti tipici di ogni località e quali sono i ristoranti che li preparano meglio. Usufruibile da desktop e da mobile, TypicalEats consente di scoprire dove poter trovare i migliori piatti tipici italiani in un solo click e in pochi secondi, soddisfacendo il desiderio del turista di trovare il meglio della gastronomia italiana senza perdere troppo tempo in lunghe ricerche online e offline.

Secondo classificato

Guido Tour Sharing – Lombardia
GUIDO (iloveg1#uido.com) è una piattaforma di acquisto online di visite guidate, in cui i visitatori si uniscono in gruppi medio-piccoli (tour sharing) per ottenere uno sconto in cambio di un tour collettivo. Gli utenti godono delle tariffe più agevolate sul mercato, condividono i loro interessi fino a ‘competere’ tra loro attraverso un sistema di punti e classifiche. Un’unica piattaforma per trovare e prenotare online i tour guidati aggiungendosi ad altri partecipanti. Per le guide abilitate rappresenta invece una vetrina e una biglietteria online per vendere direttamente i propri tour.

Terzo classificato

Woolysses – Campania
Woolysses prevede lo sviluppo di una soluzione tecnologica “on-cloud” in grado di alimentare la conoscenza e di erogare i servizi di uno «smart assistant» attraverso chatbot multichannel (Web, Social, App). La piattaforma tecnologica proposta sarà in grado di rispondere alle esigenze degli utenti (visitatori delle città d’arte), fornendo sempre contenuti utili al momento giusto e nel posto giusto. Il processo di segmentazione dinamica e di analisi in tempo reale, insieme a modelli predittivi, rendono possibili l’erogazione di contenuti e consigli personalizzati, next-best actions, e di anticipare le esigenze di ogni singolo utente.

Leggi anche:

“La cultura ci fa ricchi?” A Roma incontro con Luca Bergamo e Paola Dubini

Rispondi