Due giorni a Venezia per discutere della qualità degli interventi sul patrimonio culturale. Si terrà il 22 e il 23 novembre all’Auditorium Santa Margherita la conferenza “Cherishing Heritage”, organizzata dalla Commissione europea in collaborazione con l’Icomos (International Council on Monuments and Sites). Si tratta di un evento chiave dell’Anno europeo del patrimonio culturale, organizzato nel quadro dell’iniziativa europea “Cherishing heritage” (Patrimonio da curare). Previsti, tra gli altri, gli interventi del segretario generale del Mibac, Giovanni Panebianco, dell’eurodeputata Silvia Costa, di Erminia Sciacchitano, in forza alla Commissione Europea e Chief Scientific Advisor dell’Anno europeo del patrimonio culturale, della direttrice del Consiglio d’Europa, ufficio di Venezia, Luisella Pavan-Woolfe. Da confermare la presenza del ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli.

IL PROGRAMMA DELLA CONFERENZA

I lavori della conferenza si apriranno il 22 novembre alle 9.30 con Themis Christophidou, direttore generale della DG per l’Educazione e la Cultura della Commissione europea, Grellan Rourke, vicepresidente di Icomos, e Giovanni Panebianco. seguiranno gli interventi di Erminia Sciacchitano e Stefano F. Musso dell’Icomos. Il primo panel si focalizzerà sulla qualità degli interventi sul patrimonio culturale per un’Europa sostenibile: interverranno, tra gli altri, Silvia Costa. Durante il secondo panel si parlerà della qualità negli interventi finanziati dall’Ue sul patrimonio culturale mentre il terzo panel si concentrerà sui driver della qualità. Il 23 novembre la conferenza si aprirà con i report dei tre panel. A seguire le osservazioni finali con una discussione sui prossimi step e l’ “Adozione di principi qualitativi”.

LE 10 INIZIATIVE DELL’UE PER IL PATRIMONIO CULTURALE

Per garantire che l’Anno europeo del patrimonio culturale lasci un’impronta anche dopo il 2018, la Commissione europea, in collaborazione con il Consiglio d’Europa, l’UNESCO e altri partner, intende gestire progetti a lungo termine imperniati su 10 temi principali. Tra queste iniziative rientrano attività in collaborazione con istituti scolastici, progetti di ricerca sulle soluzioni innovative per il riutilizzo degli edifici di interesse culturale e la lotta al traffico illecito di beni culturali. Le 10 iniziative europee corrispondono a quattro principi che definiscono il patrimonio culturale europeo nella sua essenza: partecipazione, sostenibilità, protezione e innovazione. Nello specifico, le 10 iniziative europee sono: “Condividere patrimonio, storia e valori per avvicinare gli europei”, “Patrimonio a scuola”, “I giovani per il patrimonio”, “Patrimonio in transizione”, “Turismo e patrimonio”, “Patrimonio da curare”, “Patrimonio a rischio”, “Abilità legate al patrimonio”, “Patrimonio per tutti” e “Scienza per il patrimonio”.

Per approfondimenti:

Il programma della conferenza

Le dieci iniziative dell’Unione europea

 

Articoli correlati