Restauratori Pompei Bonisoli“Le attività di scavo in aree di particolare valenza culturale devono essere condotte da personale altamente qualificato, nel rispetto di un protocollo scientifico rigoroso. Non possono essere certo derubricate ad attività di intrattenimento turistico e, quindi, essere affidate a chicchessia, persone senza le opportune competenze”. Così in una nota il Sottosegretario ai beni culturali, Gianluca Vacca, commenta l’emendamento alla Manovra presentato dal leghista Viviani secondo cui gli imprenditori agrituristici “possono promuovere attività di ricerca archeologica e di scavo sui terreni di cui risultano essere proprietari o gestori”.

“Su questo – prosegue il sottosegretario – il Codice dei beni culturali fissa paletti precisi, riservando al Mibac e a profili professionali adeguati le ricerche archeologiche e le attività di scavo. L’emendamento in legge di Bilancio proposto dalla Lega, a prima firma dell’on. Viviani, si presta a ambigue interpretazioni, con il rischio di creare precedenti pericolosi e difficili poi da gestire. Altra cosa, invece, è favorire la valorizzazione del patrimonio storico e archeologico situato in aree private, in modo da farlo conoscere a un pubblico il più ampio possibile. Ma il confine tra ricerca archeologica e scavo da una parte, valorizzazione dall’altra deve restare ben definito”.

Leggi anche:

Manovra, emendamento Lega: ospiti di agriturismo potranno partecipare a scavi archeologici

Archeologia, M5S: no a scavi condotti da clienti agriturismi

2 Comments

  1. Pingback: Turisti-archeologi: gli strani effetti del Ministero dell'Agriturismo |

  2. Pingback: Turisti-archeologi: gli strani effetti del Ministero dell'Agriturismo - SubWay

Rispondi