Cento mila euro a favore delle Soprintendenze archivistiche e bibliografiche per la tutela del patrimonio bibliografico non statale. Questo lo stanziamento, accantonato sullo stato di previsione del Ministero dei Beni culturali, oggetto di un decreto del Direttore Generale Biblioteche e Istituti culturali del Mibac. Con l’atto si approva il piano di contributi per l’anno 2018 a favore di 18 interventi.

Con nota dello scorso 26 marzo, la Dg Biblioteche e Istituti culturali aveva richiesto a tutte le Soprintendenze archivistiche e bibliografiche di individuare sul proprio territorio di competenza i beni librari privati esposti a particolari rischi di danni o perdita. A favore degli stessi si sarebbero predisposti progetti volti al recupero attraverso attività di tutela. Alla scadenza dei termini posti, la Dg aveva ricevuto 21 istanze. Di queste, 11 progetti riguardavano beni bibliografici vincolati mentre 10 beni bibliografici pubblici non statali.

La Commissione valutatrice ha valutato positivamente le istanze relative ai beni librari privati vincolati a cui destinare 72.250 euro. I restanti 27.750 si attribuiscono ai beni bibliografici pubblici non statali. Gli allegati al decreto riportano la denominazione della Soprintendenza di riferimento, l’ente di appartenenza del bene e la somma ad esso assegnata per ciascuna tipologia di intervento.

LA RIPARTIZIONE AI BENI PRIVATI VINCOLATI

Per quanto attiene la ripartizione delle risorse ai beni privati vincolati si individuano sei Soprintendenze. Alla Soprintendenza archivistica e bibliografica della Campania fa riferimento l’Associazione “SNGC – Sindacato Napoletano Giornalisti Corrispondenti – Emeroteca Biblioteca Tucci” a cui vanno 6.900 euro. Alla Soprintendenza del Lazio fanno invece riferimento quattro enti: l’Istituto per la storia dell’Azione cattolica e del movimento cattolico in Italia Paolo VI (10 mila euro), la Società Geografica Italiana (8 mila euro), l’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI (4 mila euro) e l’Istituto Luigi Sturzo (10 mila euro).

All’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Portovenere, che fa parte della Soprintendenza della Regione Liguria, sono assegnati 1.700 euro. Nella Regione Lombardia si assegnano invece 15.250 euro a favore di nuclei di manoscritti di proprietà privata.

In Toscana, i finanziamenti vanno ai beni collocati nell’abitazione privata degli eredi della famiglia Uccelli (1.400 euro) e alla Biblioteca Antonio Zorzi Giustiniani (2.500 euro). Nell’ambito della Soprintendenza Umbria e Marche, sono assegnati fondi alla Biblioteca Fondazione Ranieri di Sorbello (2.500 euro) e alla Biblioteca diocesana L. Jacobilli (10 mila euro).

BENI LIBRARI NON STATALI

La ripartizione delle risorse ai beni bibliografici pubblici non statali, pari a 27.750 euro, si rivolge invece su tre Soprintendenze regionali. Nell’ambito della Soprintendenza Abruzzo-Molise, 2.700 euro sono assegnati alla Biblioteca comunale “N. Castagna” di Città Sant’Angelo, 8 mila euro vanno alle Biblioteche Riunite Comunale e “Labanca” mentre 3.250 euro alla Biblioteca comunale di Ortona.

Nella Regione Liguria, la Biblioteca civica “Oberto D’Oria” riceve 4.700 euro mentre nella Regione Toscana sono tre gli enti finanziati. La Biblioteca della Domus Mazziniana di Pisa riceve 6 mila euro, l’Accademia Valdarnese del Poggio 2.600 euro e infine la Biblioteca dell’Accademia di Belle Arti di Firenze 500 euro.

Approfondimenti:

Decreto direttoriale di assegnazione delle risorse

Tabella di ripartizione delle risorse

 

Articoli correlati