Anna Ascani imprese culturali bonusIl decreto del Presidente del Consiglio per il Bonus cultura per i diciottenni nati nel 2000 resta al centro di uno scontro politico serrato tra il Partito democratico, il Movimento 5 Stelle e il Ministero dei Beni culturali. In prima linea Anna Ascani, deputata Pd e capogruppo in commissione Cultura della Camera, che torna sulla vicenda scrivendo su twitter al ministro: “Caro Bonisoli Vergognati. Vergognati tanto”. Ma come nasce questo attacco? Insieme al testo, la Ascani ha postato la foto di una mail ricevuta dall’Ufficio Controllo legittimità della Corte dei Conti che spiega: “Il decreto (del bonus cultura, ndr) non risulta a tutt’oggi pervenuto”. La Ascani aggiunge su twitter ancora rivolgendosi a Bonisoli: “Venerdì 23 novembre annunciavi la firma del decreto per #18App. Oggi 13gg dopo veniamo a sapere che nemmeno lo hai inviato alla Corte dei conti. Sei un bugiardo. E quel che è peggio, prendi in giro migliaia di ragazzi”.

IL MIBAC SI DIFENDE

Ma il ministero dei Beni culturali respinge le accuse e si difende: “non c’è nessun giallo”. Dagli uffici del Collegio romano AgCult apprende che per quanto di competenza del ministro Bonisoli il lavoro è stato fatto. “Anzi, anche di più. Siamo sorpresi anche noi – spiegano fonti ministeriali -. Il ministro ha firmato il decreto esattamente come annunciato lo scorso 23 novembre (appena rientrato da Shanghai) e ha successivamente chiesto anche una procedura d’urgenza alla Corte dei Conti per velocizzarne poi l’iter di pubblicazione in Gazzetta”.

Il problema risiederebbe allora nel fatto che Bonisoli non è l’unico a dover firmare il provvedimento. Infatti, “si tratta di un Decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri, da firmare di concerto tra Beni culturali e ministero dell’Economia”. Insomma, all’appello mancherebbero ancora le firme di Giovanni Tria e di Giuseppe Conte (o di uno solo dei due). E senza tutte le firme, la Presidenza del Consiglio non può inviare il provvedimento alla Corte dei Conti.

Leggi anche:

Manovra, M5S: “Stop a mancette elettorali. Con la nuova 18app cultura per tutti”

18app, M5S: decreto al vaglio della Corte dei Conti, nessun ritardo

Bonus cultura, Ascani (Pd): perché decreto su 18app ancora non arriva in Gazzetta?

Rispondi