Vacca Pescara“Per il governo del cambiamento la cultura è un settore strategico sul quale intervenire per la crescita del Paese e di tutti i cittadini. Il Pd ci attacca perché sostiene che nella Manovra del popolo ci sarebbero dei tagli alla cultura. E’ incredibile come mentano sapendo di mentire”. Così, in un video su Facebook, il sottosegretario per i Beni culturali, Gianluca Vacca, che spiega: “Niente di più falso, ovviamente. Poiché non solo non ci sono tagli, ma investiamo in settori importanti della cultura. Confermiamo i soldi per i giovani, i diciottenni, per acquistare libri, andare a teatro ed entrare nei nostri splendidi musei. Soltanto che calibriamo in base al reddito, quindi non saranno soldi per tutti, anche perché immaginiamo che il figlio di una famiglia benestante non abbia bisogno di un aiuto dello Stato. Quindi soldi per i giovani, per le fasce economiche più deboli e più disagiate, medio-basse”.

Aggiunge Vacca: “Mettiamo risorse per la digitalizzazione del nostro patrimonio culturale, per eventi culturali nei territori colpiti dal sisma, nel cinema, nel Fus, aumentiamo i soldi per lo spettacolo. Insomma -conclude il sottosegretario al Mibac -, tanti provvedimenti per aumentare i fondi nella cultura e il Pd ha perso per l’ennesima volta l’occasione per evitare di mentire ai cittadini”.

Rispondi