L’Unione europea e l’Unesco, in occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale, hanno lanciato un nuovo progetto per rafforzare i legami tra giovani, patrimonio culturale e istruzione. Il progetto ha due componenti principali. La prima mira a portare il patrimonio culturale immateriale nelle classi. La seconda, invece, cerca di formare una nuova generazione di professionisti del patrimonio attraverso l’organizzazione del forum Young Heritage Experts. Le attività del progetto inizieranno a gennaio e dureranno 15 mesi.

IL PATRIMONIO IMMATERIALE NELLE SCUOLE

Gli insegnanti di tutta Europa, con il sostegno della Rete delle scuole associate all’Unesco, guideranno nuove iniziative per avvicinare i giovani europei al patrimonio immateriale. Saranno mappate le buone pratiche esistenti e rilevate eventuali lacune nell’integrazione del patrimonio immateriale nell’istruzione, attraverso un sondaggio e un opuscolo online. In una seconda fase, saranno sviluppati materiali di orientamento per sostenere gli insegnanti nell’inserimento del patrimonio immateriale nei programmi scolastici e nelle attività extra scolastiche. L’Unesco, infine, organizzerà seminari di formazione per un gruppo di scuole selezionate, finalizzati all’integrazione del patrimonio immateriale nelle materie scolastiche.

FORUM DI ESPERTI

L’Unesco organizzerà un Forum per giovani esperti nel settore del patrimonio a Zara (Croazia) per esperti del patrimonio tra i 25 e i 32 anni provenienti dagli Stati membri dell’Unione europea. Il Forum offrirà attività pratiche per acquisire competenze in materia di conservazione e promozione del patrimonio. Saranno organizzati workshop e discussioni di gruppo, visite in loco e presentazioni da parte dei partecipanti su questioni relative al patrimonio e sui progetti che intendono attuare nei loro Paesi.

PATRIMONIO CULTURALE E NUOVE GENERAZIONI

Il progetto pone l’accento sul contributo che il patrimonio culturale può dare alle nuove generazioni e sulla promozione di un futuro inclusivo e sostenibile per l’Europa. Contribuisce a due delle dieci iniziative della Commissione europea che mirano a garantire un impatto duraturo all’Anno europeo per il patrimonio culturale: “Patrimonio a scuola” e “I giovani per il patrimonio”.

Per approfondimenti:

Nuovo progetto Ue-Unesco

 

Articoli correlati