L’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa ha organizzato due mostre e una proiezione in occasione della Giornata della memoria (27 gennaio) e del 30° anniversario della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che si celebra nel 2019.

“L’INFANZIA RUBATA”: I DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI EBREI

Dal 10 al 31 gennaio alla Cultural Flow Zone presso Tesa 1, Dorsoduro – Zattere 1392, sarà gratuitamente visitabile su prenotazione la mostra di fotografie, disegni e mappe “L’infanzia rubata”. La mostra, a cura dell’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari e realizzata dall’Associazione Figli della Shoah, ripercorre idealmente la negazione dei diritti fondamentali dei bambini ebrei durante gli anni della persecuzione nazifascista. Si contrappone a tale orrore la figura del pedagogo polacco Janusz Korczak, ispiratore dell’attuale Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che lottò per alleviare le sofferenze dei bambini nel suo orfanotrofio, situato nel ghetto di Varsavia.

“AUSCHWITZ E L’IMPORTANZA DELLA MEMORIA”

Dal 9 gennaio al 9 febbraio presso la Venice Exhibition Gallery in Calle dei Fuseri 4463 a Venezia, sarà gratuitamente visitabile la mostra fotografica “Auschwitz e l’importanza della memoria”. Le foto sono tratte dal libro “Al termine del binario: Auschwitz” di Aldo Navoni e Federica Pozzi (Linea edizioni 2018). Saranno esposti, inoltre, degli oggetti provenienti dal campo di Auschwitz-Birkenau, messi a disposizione dalla Foundation of the Memory Sites near Auschwitz-Birkenau e delle lettere originali scritte dai prigionieri del campo di Auschwitz-Birkenau facenti parte della collezione privata degli autori. L’attività è a cura della Venice Exhibition Gallery e dell’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa, in collaborazione con Europe Direct Venezia. Ha inoltre ottenuto il patrocinio della Foundation of the Memory Sites near Auschwitz-Birkenau.

IL FILM “CORRI RAGAZZO CORRI”

Mercoledì 16 gennaio alle 16 presso il Cinema Dante d’Essai in Via Sernaglia 12 a Mestre, ci sarà la proiezione gratuita del film “Corri ragazzo corri” (2013) di Pepe Danquart. Il film racconta l’infanzia violata durante la seconda guerra mondiale ed è un adattamento del romanzo Corri ragazzo, corri di Uri Orlev, basato su eventi reali della vita di Yoram Friedman. Testimonianza introduttiva di Olga Neerman, ex insegnante e scrittrice veneziana costretta durante la Seconda Guerra Mondiale a lasciare la sua casa del Lido di Venezia per sfuggire alla persecuzione razziale. L’evento è a cura dell’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa, in collaborazione con Circuito Cinema Comunale, Cinema Dante, Associazione Figli della Shoah ed Europe Direct Venezia.

 

Articoli correlati