Bonisoli stamp esteraL’anniversario di Leonardo e il rapporto con la Francia, ma anche Pompei, il Colosseo e il passaggio del turismo al Mipaaft. Senza scordare la diplomazia culturale e le opere trafugate dal nostro paese. Sono tanti i punti toccati dal ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, nel corso di un lungo e approfondito incontro a Roma con i corrispondenti esteri.

TURISMO

“Il turismo in Italia è una materia esclusiva delle regioni, lo Stato non ha competenza di legiferare in materia di turismo. La dg turismo del Mibac dava sostanzialmente finanziamenti a enti esterni e faceva un’operazione di osservatorio didattico. Non aveva, e non ha, competenza per intervenire su gestione dei flussi turistici. Per questo, dal mio punto di vista, non ho trovato particolari criticità nel passaggio del turismo al Mipaaf”.

LEONARDO

Sulla polemica legata al prestito delle opere di Leonardo al Museo Louvre, il titolare del Collegio Romano spiega: “Quando sono arrivato, mi hanno raccontato di un accordo fatto con il governo francese per facilitare questo tipo di collaborazione. Quello che ho scoperto è che questo accordo non era mai stato veramente declinato in termini operativi. Noi abbiamo le conclusioni del vertice bilaterale di Lione del settembre 2017, dove i due paesi hanno concordato di darsi una mano per l’anniversario di Leonardo e per quello di Raffaello. Quello che non è mai stato messo nero su bianco è che cosa questo accordo volesse in concreto dire. Noi siamo convinti che questo tipo di operazione è uno dei pilastri della diplomazia culturale. Con la Francia abbiamo un buon rapporto, stiamo parlando di un cantiere dove andiamo avanti con la discussione. Il nuovo ministro della Cultura francese sarà a Milano per l’inaugurazione della Triennale e parleremo di come rendere il più possibile fluida, corretta e non percepita come prevaricante” questa collaborazione.

Nel caso del Louvre, ha aggiunto, “parliamo di un interlocutore culturale molto importante”. Con lo Stato francese “bisognerà trovare una soluzione che sia accettabile da tutte le parti.

COOPERAZIONE IN AMBITO CULTURALE E ARCHEOLOGICO

Rispondendo a una domanda del corrispondente del Libano sull’impegno dell’Italia nel contrasto al saccheggio dei reperti archeologici, Bonisoli ha spiegato che “non abbiamo nessuna intenzione di ridurre l’impegno, le risorse e le energie in questo tipo di collaborazione. Abbiamo fatto una riunione del Comitato restituzioni alla presenza anche del segretario generale della Farnesina, Elisabetta Belloni, a testimonianza di quanto questo tema sia fondamentale in ambito di diplomazia culturale. Quando parliamo di restituzione, parliamo di riconoscere, dare valore e rispetto all’identità nazionale”.

I GRANDI ATTRATTORI

Bonisoli è tornato quindi sul tema degli ingressi gratuiti nei luoghi della cultura e sul sovraffollamento di visitatori che vivono alcuni grandi attrattori. “Dobbiamo ragionare su qual è il numero di persone che nello stesso momento può stare all’interno di un sito. Questo ha a che fare con la sicurezza e con l’usura del patrimonio culturale. Altro tema è la stagionalità dei giorni gratuiti, e quando ho sollevato dei dubbi sulla totale efficacia della prima domenica del mese gratuita, una delle ragioni era questa: un conto è, ad esempio per il Colosseo, lasciare la prima domenica gratuita a gennaio o febbraio, un altro è lasciarla la prima domenica di giugno”.

VENEZIA

“Venezia è qualcosa di unico, inserita in un ambiente che ha un suo grado di stabilità. Per noi il Canale della Giudecca è come se fosse via del Corso a Roma, abbiamo avviato un percorso di tutela che richiede però dei tempi”. Bonisoli ha quindi annunciato che “abbiamo deciso di fare un investimento importante di circa 10 milioni di euro per la ristrutturazione completa del Lazzaretto Vecchio, di fronte al Lido. “Lì verrà creato il Museo della laguna, diviso in una parte permanente – dove sarà raccontata la storia della laguna – e una parte temporanea, che potrebbe essere utilizzata dalla Biennale o da altre mostre”.

Leggi anche:

Mibac, Bonisoli: Con Dl Concretezza potremo bandire l’80% delle assunzioni del prossimo triennio

Soprintendenze, Bonisoli: riforma tra qualche settimana, “sarà una nuova fase fisiologica”

Mibac, Bonisoli: lo stato deve spendere soldi in cultura

Rispondi