“Dal ministro Bonisoli solo annunci e menzogne” è tranchant il commento della capogruppo del Pd nella commissione cultura della Camera, Anna Ascani alle dichiarazioni del ministro dei beni culturali rilasciate oggi in conferenza stampa presso l’associazione della stampa estera. “E’ surreale che dopo una manovra di bilancio che contiene tagli significativi per molti settori della cultura, dai musei, agli archivi, alle biblioteche, al cinema e alle librerie, il ministro si presenti davanti ai giornalisti delle testate internazionali per annunciare incrementi di spesa e risorse aggiuntive che, conti alla mano, purtroppo proprio non ci sono”.

“Per non parlare poi dell’imbarazzo dell’annuncio di misure già esistenti come quella della limitazione dei flussi negli istituti culturali. Giusto e necessario gestire il numero dei visitatori nei grandi monumenti ma al ministro ricordiamo che Pompei (max15.000), gli Uffizi (numero chiuso), il Pantheon (max800) e il Colosseo (max3.000) hanno già un numero massimo di presenze simultanee. E questi numeri li trova facilmente sul sito del Mibac”.

“La trasparenza e la verità – conclude Ascani – dovrebbero essere la bussola per chi ha l’onore di governare un ministero. Ma forse Bonisoli ha bisogno di sfoggiare un po’ di lustro visto che il suo posto al governo scricchiola ogni giorno di più per via dell’insofferenza e della delusione sul suo operato diffuse nella maggioranza e nel mondo dei beni culturali”.

 

Articoli correlati