“Penso che lo Stato debba spendere soldi in cultura. Quello che spendiamo è una spesa necessaria perché mettiamo risorse per rendere fruibile e valorizzare un patrimonio che tutto il mondo ci invidia”. Lo ha detto il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, nel corso di un incontro con la Stampa estera. “I soldi vanno spesi anche perché bisogna finanziare le attività culturali come il teatro”.

Quello delle attività culturali, spiega, “è uno dei settori che avrà uno dei trend di crescita maggiori in futuro per quanto riguarda l’occupazione”. Questo, ha aggiunto, “è l’anno in cui spenderemo di più in assoluto sullo spettacolo dal vivo. Proprio lunedì terremo una riunione con la Consulta sullo spacchettamento delle risorse destinate al Fus”.

 

Articoli correlati