La Commissione di studio per la gestione complessa del patrimonio culturale attraverso reti museali e sistemi territoriali si è riunita martedì 15 gennaio per iniziare le audizioni dei soggetti istituzionali, le associazioni e gli enti interessati al progetto di creazione di una rete integrata tra luoghi della cultura e territorio. L’obiettivo generale è quello di valorizzare anche i siti meno noti e far sì che possano rientrare nei circuiti più battuti del turismo culturale.

“La valorizzazione e la promozione dei luoghi della cultura – ha dichiarato il Ministro Alberto Bonisoli, passato per un saluto – possono trarre un grande vantaggio dalla collaborazione tra i vari enti statali e locali e le associazioni di settore. Il ruolo del Ministero resterà quello di tutela del nostro Patrimonio e, laddove necessario, di coordinamento degli aspetti legati alla promozione, per far sì che l’offerta culturale su scala nazionale abbia le stesse caratteristiche in ogni regione”.

La Commissione ha ascoltato i rappresentanti dell’Anci, della Conferenza Stato-regioni, della fondazione Fitzcarraldo, di Symbola, di Federculture e di Unioncamere. Nelle prossime riunioni sono previste audizioni ad hoc, nei vari territori, per avere il termometro della situazione anche ad un livello più dettagliato.

Leggi anche:

Reti territoriali, Tisi (Mibac): La gestione virtuosa dei beni culturali viene dal territorio

Reti Museali e sistemi territoriali, Bonisoli: valorizzare e rendere accessibili luoghi meno conosciuti

 

Articoli correlati