“L’Accademia di Belle Arti dell’Aquila è una delle realtà d’eccellenza abruzzesi e non solo. Lo è da 50 anni, visto che la sua istituzione risale al 1969. In questo mezzo secolo ha avuto sempre docenti di altissimo livello e ha formato tanti eccellenti allievi”. Lo scrive su Facebook Gianluca Vacca, sottosegretario ai Beni culturali, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019 dell’Accademia di Belle Arti de L’Aquila.

“Nelle sue aule – continua il sottosegretario Vacca nel post – si coltivano cultura e arte e si raccolgono posti di lavoro. Stamattina si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione dell’anno accademico 2018/19, il cinquantesimo appunto. Si celebrano insomma, quest’anno, le nozze d’oro tra l’accademia e la città, a testimonianza di una storia lunga oltre che prestigiosa. Una cerimonia alla quale, come abruzzese e come Sottosegretario ai beni culturali, ho partecipato con grande piacere. Gli ultimi non sono stati anni facili, lo sappiamo, ma sono convinto che adesso anche l’Accademia possa e debba guardare con ottimismo al futuro, grazie al valore aggiunto che è in grado di offrire e che vedremo già in occasione del decennale del terremoto. Abbiamo bisogno di realtà come questa, che possano essere un volano per la piena rinascita dell’Aquila e per il rilancio dell’Abruzzo. Come Mibac daremo tutto il supporto possibile. Al presidente Marotta, ai docenti, al personale e agli studenti rivolgo l’augurio per un grande futuro, grande quanto e più del già straordinario passato”.

 

Articoli correlati