Il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, torna in un’intervista al Tg3 sul tema degli ingressi gratuiti nei musei. “Ci sarà una parte di giornate dove in tutti i musei statali quel giorno sarà a entrata gratuita; ci sarà poi una settimana intera dal 5 al 10 marzo dove la gratuità sarà assicurata a chi vorrà venire a visitare i nostri musei. In più ogni direttore avrà a disposizione una serie di giornate gratuite che potrà collocare nel corso dell’anno”.

“Quello che non mi convinceva (del vecchio sistema, ndr) era il fatto che ci fosse un’obbligatorietà ovunque e comunque in tutta Italia, a prescindere dalle situazioni: quello che abbiamo cercato di dare è uno strumento di gestione ai direttori dei musei aumentando allo stesso tempo il numero di giornate gratuite”, ha spiegato il titolare del Collegio Romano.

Come faranno i visitatori a orientarsi? “Ci sarà un sistema informativo, ovvero un sito dove verranno registrate queste giornate gratuite, e poi abbiamo dato indicazione ai direttori dei singoli musei di mettersi d’accordo con i sindaci e i musei civici di ogni città in modo da fare un’offerta il più possibile integrata”, ha concluso Bonisoli.

Leggi anche:

Gratuità, il piano del Mibac per i musei: 20 giorni all’anno e un sito web per orientarsi

 

Articoli correlati