Riportare ad Ascoli Piceno i reperti rinvenuti nella necropoli di Castel Trosino nel 1893, conosciuti come il Tesoro dei Longobardi e attualmente al Museo dell’Alto Medioevo di Roma. Lo chiede la deputata Giorgia Latini (Lega) che oggi ha sollevato la questione al ministro per i Beni culturali, Alberto Bonisoli, nel corso del question time alla Camera.

Con un post su Facebook, l’esponente del Carroccio torna sull’argomento. Visto che anche ad Ascoli, scrive Latini, “all’interno del Forte Malatesta è stato inaugurato un Museo dell’Alto Medioevo, con una sala appositamente dedicata ad accogliere i reperti longobardi, chiediamo che questo Tesoro torni a casa. Si tratta di un simbolo del patrimonio artistico delle nostre terre, di un segnale tangibile dell’identità e della storia del nostro territorio”.

Sottolinea Latini: “La restituzione del Tesoro dei Longobardi rappresenterebbe un importante riconoscimento per una comunità ancora scossa dal terribile terremoto e potrebbe dare nuova linfa al rilancio turistico ed economico della nostra città. È una battaglia che abbiamo davvero a cuore, vogliamo riportare ad Ascoli questo Tesoro e continuare nel nostro impegno per il recupero e la riqualificazione dell’area archeologica di Castel Trosino”.

Leggi anche:

Marche, Bonisoli: Tesoro dei Longobardi rimane a Museo Alto Medioevo di Roma

 

Articoli correlati