“La prossima riunione del Coreper, venerdì 8 febbraio, sarà quella decisiva per la direttiva copyright. Come ribadito da Luigi Di Maio, per l’Italia è imprescindibile che la rete resti libera e neutrale”, dichiara l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Isabella Adinolfi.

“La nostra posizione non cambia, è anacronistico e pericoloso prevedere l’introduzione di una “link tax”, nonché fissare delle norme che avrebbero come effetto concreto quello di spingere gli operatori del web a mettere in piedi un sistema di filtri automatici. Per questo è auspicabile che il Consiglio adotti una posizione capace di salvaguardare i diritti fondamentali dei cittadini/utenti, a cominciare dalla libertà di espressione. Inoltre, va favorita la nascita di una vera data economy europea rendendo obbligatoria l’eccezione riguardante il text and data mining”, conclude Adinolfi.

Leggi anche:

Copyright, Silvia Costa (Pd): A rischio la riforma, Italia tra i Paesi che fanno blocco

Copyright, Bonisoli: valutazione negativa, governo continuerà a tutelare indipendenza rete

Il Parlamento europeo adotta la sua proposta di riforma

 

Articoli correlati