“Gli enti locali non possono in ogni caso autorizzare o concedere spazi ed ambienti per lo svolgimento di manifestazioni o iniziative volte a negare gli eventi commemorati nel ‘Giorno del ricordo’”. Questo l’unico articolo di una proposta di legge presentata oggi dalla deputata Ketty Fogliani (Lega), componente della commissione Cultura, che modifica la legge del 30 marzo del 2004 n. 92, che ha istituito il 10 febbraio quale “Giorno del ricordo”.

“Basta negare gli eventi tragici in memoria delle vittime delle foibe”, dichiara Fogliani che aggiunge: “Purtroppo non sono mancate e continuano a non mancare, iniziative di vario genere che negano questi drammatici eventi”. La deputata della Lega sottolinea il significato della giornata commemorativa: “Conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale e concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati”.

Inoltre, aggiunge Fogliani, il 10 febbraio “sono previste iniziative volte a diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado” ed è anche “favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende”.

Rispondi