Musei e siti archeologici statali sono stati visitati, nel 2018, da oltre 55 milioni di persone (55.504.372), con un incremento superiore ai cinque milioni rispetto all’anno solare 2017 (50.169.316).

L’incremento riguarda sia gli ingressi a pagamento, 24.938.547 nel 2018, 24.068.759 nel 2017, sia, in misura maggiore, gli ingressi gratuiti che passano da 26.100.557 del 2017 a 30.565.825 del 2018.

In ragione dell’aumento dei visitatori si è registrato anche un incremento degli incassi lordi. Si è così passati dai 193.915.765 euro euro del 2017 ai 229.360.234 del 2018 con un segno più di ben 35.444.469 milioni di euro.

Il direttore generale Musei del Mibac, Antonio Lampis commenta la notizia: “Pochi ambiti sociali o economici hanno una crescita – sottolinea il dg Musei -. Il 5 per cento poi è più del turismo, significa forte crescita dei visitatori italiani”. La performance positiva dell’insieme deve, tuttavia, “sostenere i musei più piccoli e a tale scopo servono i meccanismi di compensazione. Ricordo sempre che nei musei il vero risultato cui tendere non è quello di vendere biglietti, ma di saper offrire, come dicono le norme, effettive esperienze di conoscenza. Resta corretto riferire dei numeri, che sono lo specchio dell’impegno e spesso del sacrificio di tanti lavoratori, dentro e fuori dai musei”.

LA CLASSIFICA

Per quanto riguarda i singoli ingressi il sito statale più visitato resta saldamente l’area Colosseo – Foro Romano – Palatino che fa segnare un +8,73% passando da 7.036.104 visitatori del 2017 a 7.650.519 del 2018.

Al secondo posto l’area archeologica di Pompei che aumenta il numero di visitatori del 7,78% passando da 3.383.415 ingressi a 3.646.585 del 2018.

Terza la galleria degli Uffizi con il Corridoio Vasariano che fa registrare un leggerissimo decremento, dello 0,19%, calando da 2.235.328 a 2.231.071 visitatori.

I MAGGIORI INCREMENTI

Tra i 30 siti più visitati nel 2018 il maggior incremento è stato dei Musei Reali di Torino (+27,82), Palazzo Pitti a Firenze (+24,23%), le Grotte di Catullo e il museo archeologico di Sirmione (+18,83%) e il Giardino di Boboli a Firenze che risale la classifica fino ad essere il quinto sito più visitato in Italia con il suo +17,92.

SUL TERRITORIO

Nella classifica dei primi 30 siti più visitati in Italia 8 si trovano nel Lazio, 6 in Campania, 5 in Toscana, 4 in Lombardia, 3 in Piemonte, 2 in Veneto e uno ciascuno in Puglia e Friuli Venezia Giulia.

 

Articoli correlati