Proclamati i vincitori dell’ultima edizione del Fondo di sviluppo in coproduzione tra Italia e Germania. Si tratta di cinque progetti, tre maggioritari italiani e due maggioritari tedeschi, che ricevono un finanziamento di 80 mila euro.

La Commissione Italo – tedesca del Fondo di sviluppo in coproduzione tra Italia e Germania si è riunita lo scorso 10 febbraio 2019 a Berlino. La Commissione ha esaminato 11 progetti: otto maggioritari italiani e tre progetti maggioritari tedeschi. È stato infine deliberato un contributo a favore di tre progetti maggioritari italiani e due maggioritari tedeschi.

Il Fondo nasce dall’accordo siglato in materia di organizzazione delle attività di sviluppo di progetti di co-produzione tra Italia e Germania tra la Direzione generale Cinema del Ministero per i Beni culturali e il Filmförderungsanstalt (FFA), l’ Agenzia Tedesca per la Promozione del Film. Base dell’accordo è il supporto del co-sviluppo di progetti che prevedano la realizzazione di lungometraggi di alta qualità, indipendentemente dal genere, tra produttori italiani e tedeschi. Al momento della pubblicazione del bando (19 settembre 2018), l’avviso sottolineava che quella del 2019 sarebbe stata l’ultima edizione “in attesa di nuove strategie di sostegno alla coproduzione internazionale”.

I PROGETTI VINCITORI

I tre progetti maggioritari italiani a ricevere il contributo sono il documentario “A dog’s word” di Claudia Tosi, “Maoz” di Tancredi Campello e “Tina”, prodotta dalla società Rosamont. Il primo progetto riceve un contributo di 10 mila mentre il secondo e il terzo di 20 mila euro.

I progetti maggioritari tedeschi a ricevere il contributo sono invece il documentario “Europeana a brief history of the Twentieth century” e “Con spirito e fuoco” di Domenico Distilo. Il primo progetto riceve un contributo di 10 mila euro mentre il secondo di 20 mila euro.

I PROGETTI PARTECIPANTI

I progetti che hanno partecipato all’edizione 2019 del Fondo erano due documentari e dieci film di finzione. Per quanto riguarda la prima categoria, erano in gara i due vincitori “A dog’s word”, prodotto per il 64% dalla casa di produzione italiana Stefilm International, e “Europeana a brief history of the Twentieth century”, prodotto per il 30,20% dalla casa di produzione italiana Nanof.

Gli altri progetti erano “Fiction”, prodotto per il 40% dalla italiana OVALmedia Rome, e “Di nuovo da soli” di Antonello Scarpelli, prodotto per il 55,83% dalla casa di produzione italiana Qoomoon. A questi si aggiungevano “Il mio migliore amico” di Riccardo Paoletti, prodotto per il 60% dalla Emma film, e “Le furie” di Marco Luca Cattaneo, prodotto per l’80% dalla Rain Dogs Srl. Infine, hanno partecipato al bando “Nella terra dei maghi” di Davide Barletti e Lorenzo Conte, prodotto per l’80% da La Luna, “Nora” di Teresina Moscatiello”, prodotto per il 60% dalla Cinematografica Light Services, e “Tredici giovedì” di Berardo Carboni, prodotto dall’italiana Piroetta film per il 55%.

Approfondimenti:

Link all’avviso della Dg Cinema

Leggi anche:

Cinema, aperte le iscrizioni all’ultima edizione del Fondo coproduzioni Italia-Germania

Cinema, sono 12 i progetti che partecipano al bando coproduzioni Italia-Germania

 

Articoli correlati