“Questa mattina abbiamo incontrato l’associazione Api – Archeologi del pubblico impiego – Mibact, nell’ambito di una serie di incontri informali attraverso i quali stiamo acquisendo informazioni e spunti di riflessione in materia di beni culturali”. Lo affermano gli esponenti del Movimento 5 Stelle in Commissione Cultura al Senato. “In particolare i rappresentanti dell’associazione, composta da funzionari archeologici, hanno espresso le proprie perplessità sullo stato generale dell’archeologia italiana. È infatti emerso come la creazione delle Soprintendenze uniche guidate da dirigenze non tecniche abbia complicato l’iter dei procedimenti di autorizzazione, relegando ad un ruolo secondario, in mancanza di dirigenti tecnico-scientifici competenti, la tutela dei beni archeologici. Al riguardo è stata richiamata la drastica riduzione degli interventi di archeologia preventiva attivati”.

“In secondo luogo, si è evidenziato come nel processo di creazione dei poli museali regionali, l’esigenza della valorizzazione si sia risolta, per le realtà minori, in una scissione del legame con i territori con effetti negativi per aree e musei archeologici. Ricadute negative legate alla riorganizzazione territoriale dei servizi archeologici, poi, sono state richiamate anche in relazione alla gestione e alla fruizione di biblioteche, laboratori di restauro e archivi”.

“Il recupero della costituzione di strutture guidate da dirigenti archeologi, il superamento dei Poli Museali Regionali con assegnazione dei servizi di valorizzazione a strutture specifiche e il mantenimento di aree e musei archeologici autonomi guidati da direttori competenti e imparziali sono emersi quali elementi su cui è necessario riflettere per garantire un sistema efficace di tutela e conservazione dei beni archeologici. Come portavoce del MoVimento 5 abbiamo recepito i dati e le istanze che ci sono stati presentati e lavoreremo su proposte che possano rafforzare i presidi di tutela e semplificare i rapporti tra cittadini e Amministrazione dei Beni culturali”, concludono le senatrici e i senatori del Movimento 5 Stelle.

Leggi anche:

Scavi archeologici, Famiglietti: obiettivo è garantire uniformità ed efficienza

Archeologia, accademici Lincei contro le Soprintendenze uniche. Volpe insorge

 

Articoli correlati