Il decreto Cultura “è un calderone di norme non tutte giustificate dall’urgenza, rassomiglia a una stoffa piena di rattoppi e rammendi. E’ un provvedimento che interviene con disposizioni su alcuni aspetti puntuali ma superficiali, che non risolvono i problemi”. Lo ha detto nell’Aula della Camera la deputata Valentina Aprea (FI) nella dichiarazione di voto sul dl Cultura. “Bisogna...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati