Una call rivolta a innovatori e/o start-up al femminile che ambiscono ad operare nel settore creativo, culturale e del turismo sia in un’ottica di offerta di servizi sia di prodotto finito. A lanciarla è il think-tank Re-Generation (Y)outh guidato da Giusy Sica. La call (Women in Culture) nasce dall’esigenza di rintracciare le presenze femminili nel settore creativo, culturale e del turismo sia in un’ottica di offerta di servizi sia di prodotto finito. Il bando si inserisce nel più ampio progetto relativo al mondo lavorativo che il team sta portando avanti: il report 100 Best Women In Culture, una mappatura sociale e fotografica riguardo le posizioni di leadership femminile nel mondo della cultura.

LA CALL

Cultura e turismo rappresentano un volano ad altissimo potenziale economico per il nostro Paese: declinare questa opportunità in una logica di inclusione e sostenibilità è l’obiettivo della call rivolta a innovatori, startup, makers, cooperative e realtà non ancora costituite come soggetto giuridico. Tra i settori presi in considerazione:

  • Progettazione e Produzione creativa in tutte le sue forme, intesi quali beni, servizi e opere dell’ingegno inerenti alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, alle arti applicate, allo spettacolo dal vivo, alla cinematografia e all’audiovisivo, agli archivi, alle biblioteche e ai musei, nonché al patrimonio culturale e ai processi di innovazione ad esso collegati, in particolare modo a quelli che supportano la valorizzazione e la fruizione dei beni e delle attività culturali
  • Modalità e processi innovativi legate a restauro, manutenzione e recupero del patrimonio culturale
  • Proposte di servizi e strumenti atti alla promozione (marketing territoriale e turistico) e valorizzazione delle città, luoghi e poli di attrazione culturale.

Forte interesse è rivolto verso proposte che integrino e utilizzino tecnologie innovative quali realtà virtuale e/o aumentata, Internet of  Things, Intelligenza Artificiale e/o altre tecnologie innovative.

A CHI E’ RIVOLTA

La call è aperta a team o aspiranti tali che:

  • Siano persone fisiche maggiori di età
  • Abbiano almeno una persona di età inferiore ai 35 anni e al 50% siano costituite da donne
  • Generino impatto sociale, culturale o ambientale nei settori o aree di attività di cui sopra

La partecipazione è gratuita e non comporta alcun vincolo o impegno di qualsiasi natura. I partecipanti, inviando la propria candidatura e i documenti per la partecipazione alla competizione, dichiarano che le informazioni fornite sono veritiere e che ogni decisione del Comitato di Valutazione e della Giuria verrà accettata incondizionatamente.

PREMI

L’iniziativa è intesa come momento formativo che consenta ai giovani startupper, makers e innovatori di riflettere e comprendere meglio alcuni aspetti organizzativi, di gestione e comunicativi dei loro progetti con professionisti del settore che lavorano con grandi realtà. Oltre alla possibilità di accedere a una formazione di alto livello, di networking e di implementare i propri progetti, sono previsti inoltre dei riconoscimenti per i primi classificati. Per la prima classificata un ticket team per l'edizione 2020 di Heroes meet in Maratea e due ticket edizione 2020 di Heroes per la seconda e la terza classificata. Heroes meet in Maratea è il più importante festival del Mezzogiorno dedicato a innovazione, futuro e impresa che coinvolge i più ispirati eroi del nostro tempo: leader mondiali di impresa, business angels e investitori, intellettuali, creativi, policy makers e le migliori start up del bacino euromediterraneo. L'evento giunto alla sua quarta edizione ed è divenuto ormai uno smart-Hub concentrato in tre giornate.

LANCIO DELLA CALL

Raccolta delle candidature:  22 luglio - 22 agosto. Valutazione delle candidature: 23 agosto – 30 agosto Saranno selezionati fino a un massimo di 10 progetti a impatto sociale, culturale, turistico/ambientale che prenderanno parte al programma di mentorship e alla competition finale.

SELEZIONE DELLE 10 FINALISTE

La valutazione dei progetti candidati alla call sarà realizzata dalla commissione costituita da rappresentanti designati da Re-Generation (Y)outh e da Heroes Meet in Maratea. La Commissione selezionerà fino a un massimo di 10 progetti innovativi e/o startup che accederanno alla mentorship (19 settembre) e alla competition finale (20 settembre). La Commissione si riserva di richiedere integrazioni alla documentazione inviata.

Le candidature pervenute saranno valutate in base a:

  • Soddisfacimento di un bisogno/necessità
  • Innovatività della soluzione
  • Impatto sociale, culturale, ambientale prodotto e/o atteso rispetto agli obiettivi definiti
  • Fattibilità tecnica e sostenibilità economica
  • Qualità e competenze del team (elemento che verrà valutato in maniera positiva sarà  avere nel ruolo di founder o team-leader una donna under 35)
  • Scalabilità/replicabilità

Ai 10 progetti selezionati verrà comunicato l’esito a partire dal 1 settembre.

EVENTO DI MARATEA

Le 10 startup selezionate potranno soggiornare a Maratea ad un prezzo scontato, usufruendo di uno speciale pacchetto a loro dedicato. La due giorni sarà strutturata nel seguente modo: la prima giornata rappresenta il momento di "mentorship", da concepire come un momento di orientamento all’impresa ed un vademecum esperienziale attraverso il confronto ed il dialogo in un network allargato. I partecipanti avranno l'opportunità di sedere a diversi tavoli tematici, strutturati componendo una sorta di filiera di accompagnamento all'idea. Ogni tavolo è gestito da giovani professioniste ed esperte che trasmetteranno tanto le proprie conoscenze quanto la personale esperienza in un’ottica pratica. La seconda giornata prevede una vera e propria competition tra le startup/makers/ cooperative, o aspiranti tali, che avranno la possibilità di sfidarsi avendo affinato l'idea di partenza insieme alle proprie soft skills. Al termine della competition, è previsto un dibattito che traccia lo stato dell’arte della presenza e del ruolo occupato dalle donne in un settore come quello delle industrie culturali e creative.

UN MODELLO VINCENTE

“La call nasce da una esigenza specifica non solo legata alla questione di genere ma anche a quella generazionale” spiega Giusy Sica sottolineando l’importanza di “capire sino in fondo la percezione di chi fa impresa o intende farla nel settore culturale/turistico”. “È davvero possibile fare impresa nel settore? E le donne, che statisticamente hanno delle lauree specialistiche nel settore, hanno tutte le condizioni necessarie per farlo? Cerchiamo di rispondere - prosegue Sica - proponendo quello che è per me/noi un modello vincente, partire dalla formazione, dall'affiancamento e farlo anche attraverso figure giovani. La call è una risposta anche in termini sociali: l’essere stata inserita da Forbes all'interno della sezione social entrepreneur più influenti mi dà una responsabilità molto forte. Fare squadra è il primo passo necessario”.

 

Articoli correlati