Il Foro Italico come polo strategico dello sport valorizzando e recuperando i caratteri originali dell’area, insieme ai diversi Enti coinvolti, per lo sviluppo delle attività sportive di alto livello. Questo l’obiettivo della delibera di Giunta firmata dall’assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini Daniele Frongia e dall’assessore all’Urbanistica Luca Montuori. In particolare, il provvedimento contiene il Protocollo d'Intesa - che sarà sottoscritto a breve tra Roma Capitale, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Lazio, Comitato Olimpico Nazionale Italiano e Sport e Salute Spa - per l'indizione da parte di Sport e Salute S.p.A. di un concorso di progettazione internazionale per la riqualificazione architettonica.

L'intervento, a carico di Sport e Salute S.p.A., infatti riguarderà la valorizzazione dell'area recuperando i suoi caratteri originari attraverso un progetto di alta qualità architettonica, anche con la realizzazione di una copertura mobile, che dovrà garantire la giusta sinergia paesaggistica e monumentale della struttura. Una iniziativa che consentirà all'impianto sportivo di ospitare eventi tutto l'anno.

“Il Centrale del Foro Italico è per l’amministrazione una struttura da valorizzare e ammodernare per poter ospitare grandi eventi tutto l'anno. Con questo atto, che recepisce il Protocollo d'intesa che sarà sottoscritto, vogliamo dare certezza a un percorso che in sinergia tra le diverse istituzioni porterà al completamento e alla copertura dell'impianto. Una marcia in più per lo sport a Roma”, dichiara l’assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini Daniele Frongia.

"Roma Capitale avrà così l’occasione di dotarsi di un impianto importante restituendo al contesto una struttura di valore architettonico all’altezza del luogo, tra architetture note in tutto il mondo, con un intervento inserito nel contesto dalle straordinarie qualità paesaggistiche e urbane. Un contesto che fa parte dell'ambito di programmazione strategica che nasce dalla storia di questa città nel confronto tra antico moderno e contemporaneo, dal sistema Flaminio/Foro Italico, attraverso l’area archeologica centrale fino all’EUR. Per favorire un percorso di questo tipo sono necessari due elementi imprescindibili: da una parte la sinergia tra le istituzioni e dall’altra avvalersi di progetti selezionati attraverso concorsi internazionali che permettano di individuare sempre le soluzioni migliori per la Capitale d’Italia", sottolinea l'assessore all' Urbanistica Luca Montuori.

 

Articoli correlati