"Nella città di Roma, come in altre metropoli del mondo, scorre la linfa della produzione culturale contemporanea. Eppure la percezione della capitale – come quella di molte città italiane - nell'immaginario collettivo è fortemente "schiacciata" dalla grandiosità del suo patrimonio culturale storico. Basta provare a cercare su un motore di ricerca in rete 'cultural life in Rome' (o praticamente qualunque altra città italiana) e vedere le immagini che propone, per poi confrontarle con quelle che appaiono se si sostituisce 'Rome' con 'Paris', 'Madrid' o 'Berlin'". Lo scrive su Facebook il vicesindaco della Capitale, Luca Bergamo.

"Le città d’arte italiane sono speciali, proprio perché passato e presente convivono strettamente. E tra loro Roma è unica, al mondo, per la densissima concentrazione di tracce storiche. Ma è altrettanto densa la concentrazione di vita culturale contemporanea, prodotta da artisti, ricercatori, scienziati, studiosi e anche imprese, e sull'unicità di questa combinazione e di questa alchimia dobbiamo investire. Perchè su questo poggia il futuro della nostra città. Il bando Contemporaneamente Roma s’inserisce in questo schema e mette a disposizione 800.000 euro per progetti culturali e rassegne nel periodo che va dal 26 ottobre al 31 dicembre 2019, con un contributo massimo che arriva fino a 32.000 euro".

"E’ una delle misure che abbiamo creato per dare strumenti al mondo dell'arte e dello spettacolo che parla del mondo contemporaneo, e guarda al futuro. C’è tempo fino al 9 settembre per presentare proposte, e come sempre è premiata la diffusione dei progetti sul territorio. Come già segnalato su questa pagina, trovate tutte le info sul sito www.contemporaneamenteroma.it"

 

Articoli correlati