Dalla piattaforma Rousseau è arrivato il via libera alla nascita del governo M5S-Pd. I voti a sostegno del nuovo esecutivo sono stati 63.146 (79,3%), i no 16.488 (20,7%).

In mattinata era stata diffusa sul “blog delle stelle” una bozza di programma che riassume le linee programmatiche che il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, sta integrando e definendo.

Nel programma, che resta un testo ancora generico, la cultura occupa parte di uno dei 26 punti dedicato, per la verità, più al turismo che alle politiche culturali. “Occorre promuovere i multiformi percorsi del turismo - si legge al punto 24 della bozza -, valorizzando la ricchezza del nostro patrimonio naturale, storico, artistico, anche attraverso il recupero delle più antiche identità culturali e delle tradizioni locali”.

Tocca in parte la cultura anche il punto 4 in cui si esprime la necessità di “promuovere una più efficace protezione dei diritti della persona e rimuovere tutte le forme di diseguaglianze (sociali, territoriali, di genere), che impediscono il pieno sviluppo della persona e il suo partecipe coinvolgimento nella vita politica, sociale, economica e culturale del Paese”.

Anche l’ultimo punto della bozza interessa in modo indiretto ancora il turismo e la cultura con l’impegno a sostenere Roma Capitale: “Il Governo dovrà collaborare per rendere Roma una capitale sempre più attraente per i visitatori e sempre più vivibile e sostenibile per i residenti”.
 

 

Articoli correlati