Non solo sicurezza e immigrazione. Il Viminale targato Matteo Salvini ha investito anche su arte e cultura, portando alla luce una versione de La Gioconda coeva di quella esposta al Louvre. Da una parte il Viminale ha valorizzato il patrimonio del Fec (il fondo edifici di culto di cui si occupa il ministero dell'Interno), dall'altra ha recuperato alcune opere d'arte straordinarie. E per qualche...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati