Il 12 settembre 2019, nel giorno dell’anniversario della misteriosa scomparsa di Davide Cervia, verrà presentato “Il caso C.”, mostra e anteprima editoriale del fotografo Alfredo Covino, presso la sede romana di Officine Fotografiche (via Libetta 1, Roma). L’incontro vedrà la partecipazione di Marisa Gentile, moglie di Davide Cervia, Licia D’amico, avvocato della famiglia Cervia e Gianluca Cicinelli, giornalista, a lungo direttore di Radio Città Futura e autore di numerose inchieste.

Davide Cervia, ex sottufficiale della Marina Militare Italiana, specializzato in Guerre Elettroniche (GE) e vincolato a segreto militare Nato, è stato rapito nel 1990 a Velletri, alle porte di Roma. Il suo passato, anni di mansioni sui congegni e sulle armi elettroniche delle navi militari, è stato determinante per il suo destino. Un mistero lungo 29 anni, fatto di indagini, depistaggi, manipolazioni e minacce. E la condanna del ministero della Difesa per aver negato alla famiglia il diritto alla verità.

“Il caso C.”, progetto editoriale di Covino, è un’indagine visiva su questa storia realmente accaduta, che si sviluppa in un’alternanza di fotografie, documenti ufficiali, immagini d’archivio, testimonianze e illustrazioni, creando un intreccio tra scenari immaginari e tracce del caso e offrendo delle chiavi interpretative concrete e visionarie su questo mistero. La mostra, a cura di Chiara Capodici, ripercorre le vicende del caso in una ricostruzione circolare, tra flashback ed evocazioni visive, con un allestimento che intende portare il visitatore all’interno del processo di ricerca e della trama indiziaria, che ha visto coinvolti in diverse modalità la famiglia Cervia, Alfredo Covino e gli Organi di Stato.

Un evento per non dimenticare la scomparsa di Davide e per approfondire l’oscura vicenda insieme a chi l’ha vissuta in prima persona e chi ancora oggi lotta per conoscere la verità. 

 

Articoli correlati