"Sono molto contenta che Conte abbia richiamato l'importanza del settore culturale. Parlare di valorizzazione e turismo per me significa parlare  fondamentalmente di tutela. Senza una tutela forte del nostro patrimonio artistico e culturale non si possono avere adeguate promozioni e valorizzazioni". Lo ha detto ad AgCult la senatrice del Movimento 5 Stelle Michela Montevecchi commentando il discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Montevecchi, parlando a margine del dibattito al Senato sulla fiducia al nuovo esecutivo, è certa che "i presupposti per partire bene ci siano". E assicura, dal canto suo, "noi ce la metteremo tutta per essere costruttivi e per cercare di realizzare il più possibile la nostra visione sui beni culturali che abbiano già espresso nel programma di governo del 2018 e in questi 14 mesi".

Conte nel suo intervento alla Camera ha sottolineato anche l'impegno del governo per l'ampliamento dei "consumi culturali". Per Montevecchi è certamente positivo "aumentare la fruizione del patrimonio culturale in termini di partecipazione diffusa e aumento della conoscenza, anche della nostra storia e della nostra identità. Con l'obiettivo, appunto, di arricchire la nostra preparazione e la consapevolezza proprio di quel patrimonio diffuso che caratterizza il territorio italiano". Fondamentale, infine, per la senatrice cinquestelle, sarà "l'attenzione alle professioni culturali che vanno adeguatamente riconosciute, impiegate e retribuite". 

 

Articoli correlati