In occasione della nuova edizione delle Giornate Europee del Patrimonio, sabato 21 e domenica 22 settembre, la Soprintendenza Speciale di Roma apre le porte di undici luoghi della cultura, con eventi realizzati ad hoc. Lo slogan di quest’anno è “Un due tre… Arte! Cultura e intrattenimento” e incarna lo spirito degli European Heritage Days, facendo riflettere sui benefici che la fruizione del patrimonio culturale può determinare in termini di divertimento, condivisione, sperimentazione ed evasione.

"Le Giornate Europee del Patrimonio sono un’occasione unica per conoscere luoghi della cultura ancora inesplorati e poco conosciuti al grande pubblico – spiega la Soprintendente Daniela Porro – e la possibilità di fruire dell’arte con partecipazione e divertimento, grazie a visite guidate e iniziative dedicate a tutti, dai bambini agli adulti".

Riflettori puntati sulle Terme di Caracalla, dove, nella serata di sabato per la Festa dei Musei, sarà consentito l’ingresso al costo simbolico di 1 euro, mentre nella giornata di domenica si svolgeranno visite guidate con la possibilità di godere ancora della mostra di Fabrizio Plessi allestita nei sotterranei delle Terme. Occasione unica è l’apertura straordinaria e gratuita di due siti archeologici solitamente chiusi al pubblico: la Basilica Hilariana e il Tempio di Minerva Medica. Dedicata a Cibele e Attis, la Basilica Hilariana è un luogo di culto antico istituito in età Claudia, attualmente situato all’interno del Policlinico Militare del Celio. Il sito si compone di un edificio a due navate e corpo d’ingresso, con cortile centrale munito di aiuola sacra e vasca rituale. Questa Basilica era anche la sede dei Dendrofori, dediti ai culti di Attis e della Magna Mater che partecipavano a cerimonie dove piante e tronchi d’albero venivano ritualmente trasportati in spettacolari processioni. Il cosiddetto Tempio di Minerva Medica si trova invece nel settore orientale dell’Esquilino, un’aula che doveva appartenere ad un grande complesso architettonico residenziale eretto sul luogo degli Horti Pallantiani.

Nello spirito del tema “Arte e intrattenimento” saranno gli appuntamenti previsti nel Museo Diffuso di Testaccio, il rione che racchiude le diverse anime dell’antichità e della modernità, in luoghi-simbolo come la Porticus Aemilia e il Mercato Testaccio. Per l’occasione sarà aperta l’area ludico-didattica “Sottosopra. L’archeologia a piccoli passi” con laboratori gratuiti per bambini incentrati sulle tematiche dell’arte e del gioco nel mondo antico, e due percorsi attraverso le vestigia dell’antico quartiere commerciale: “Dalla Porticus Aemilia al Mercato Testaccio” e “Dalla Porticus Aemilia all’Emporium”, con apertura straordinaria delle aree archeologiche e presentazione delle installazioni contemporanee conservate al loro interno.

Anche l’area di Santa Croce in Gerusalemme, sabato sera a partire dalle 19.30, sarà animata da visite guidate e da uno spettacolo di intrattenimento multi-disciplinare, “Al chiaro di luna”.

Per prenotazioni e modalità di accesso alle iniziative, consultare il sito della Soprintendenza: www.soprintendenzaspecialeroma.it.

 

Articoli correlati