Esordio in Commissione Cultura della Camera per il neo sottosegretario ai Beni culturali Anna Laura Orrico (M5S) che, insieme alla collega Lucia Azzolina (stesso partito e stesso ruolo ma al Miur) hanno rappresentato il governo in VII commissione convocata per esaminare in sede consultiva per la Commissione Bilancio, il Rendiconto generale dell'Amministrazione dello Stato per l'esercizio finanziario 2018 e l’Assestamento del bilancio dello Stato per l'anno finanziario 2019, entrambi i provvedimenti già approvati dal Senato prima dell’estate. Per entrambe una prima volta con qualche emozione, specialmente per la Azzolina che della Commissione Cultura di Montecitorio ha fatto parte fino a qualche giorno fa. Ad accompagnare la Orrico anche il direttore generale Bilancio del Collegio Romano Paolo D’Angeli in qualità di “supporto tecnico”. 

Non sono mancate poi al termine della seduta le presentazioni di rito tra il rappresentante del Mibac e i componenti della Commissione. Tra questi anche Giorgia Latini della Lega che ora, insieme ai suoi colleghi di partito, siede tra i banchi dell’opposizione come lei stessa ha poi fatto notare su Facebook: “Questa mattina in commissione cultura inizia la battaglia che ci vedrà fare un’opposizione dura, ma costruttiva – ha scritto la Latini -. Non lo chiedono dall’interno dei palazzi, ma lo chiede il popolo”.

Ancora nessuna novità invece per i deputati che dovranno sostituire in Commissione i membri che sono entrati al governo di Giuseppe Conte. Tra di loro Dario Franceschini, Anna Ascani e la stessa Azzolina. Sui tempi potrebbe pesare anche la nascita della nuova formazione politica guidata da Matteo Renzi che potrebbe chiedere un posto nella VII a scapito del Partito democratico.

 

Articoli correlati