Quello tra “beni culturali e volontariato è un rapporto complesso e a volte vitale, che non ci sentiamo di condannare per principio. E’ tuttavia innegabile la necessità di regolamentarlo in modo chiaro, per evitare equivoci e abusi più volte registrati e che hanno il triste effetto di portare a una condanna generale del fenomeno”. Lo ha detto Andrea Camilli, presidente di Assotecnici (Associazione...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati